29/01/2007, 00.00
COREA SUD – NORD
Invia ad un amico

Tre milioni di profughi dal Nord in caso di riunificazione fra le due Coree

di Theresa Kim Hwa-young
Un rapporto ufficiale della Banca di Corea mette in guardia sui costi della riunificazione: circa 900 miliardi di dollari. Proposte nuove zone di cooperazione economica, unica strada per ridurre il divario fra le 2 nazioni.
Seoul (AsiaNews) – Sono più di 3 milioni i profughi nordcoreani pronti ad scendere nel Sud in caso di riunificazione della penisola.
 
Lo afferma un rapporto ufficiale della Banca di Corea, che invita i governi di Pyongyang e Seoul a considerare “la possibilità di una cooperazione economica più stretta” nell’immediato futuro “per prevenire i disagi di una improvvisa unificazione”.
 
Se avvenisse oggi, infatti, la riunificazione delle 2 Coree “costerebbe a Seoul fra i 500 ed i 900 miliardi di dollari: è troppo ampio il divario economico fra le 2 nazioni, e quindi inevitabile l’esodo di profughi senza un soldo in tasca”.
 
Se invece la Corea del Sud “adottasse il modello tedesco, aiutare cioè la controparte prima e dopo la riunificazione, i costi si ridurrebbero di molto e, in meno di 40 anni, il divario si potrebbe appianare”.
 
Nel documento, la Banca propone inoltre ai 2 governi di “cercare insieme di ridurre il disavanzo economico, aumentando il numero di zone di cooperazione industriale che prevedano forza lavoro del Nord e capitali del Sud”.
 
In questo modo, il costo della riunificazione “scenderebbe fino a 300 miliardi, così come il periodo di distacco, che si appianerebbe in circa 13 anni”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Apre in Corea del Nord un ufficio gestito da Seoul
27/10/2005
Coree, l'unificazione (e l'outsourcing) passa anche per la TV
05/08/2005
Pyongyang interrompe gli incontri di riunificazione familiare
20/07/2006
Cattolici della Nordcorea chiedono di vedere il Papa insieme a quelli del Sud
04/05/2006
Prima delegazione cattolica sudcoreana visita il Nord
26/04/2006