20/10/2011, 00.00
CINA – TIBET
Invia ad un amico

Pechino accusa il Dalai Lama: Incita al suicidio

Il governo comunista, ateo e contrario alla libertà religiosa, parla di violazioni alla “morale” e alla “coscienza” nei casi di auto-immolazione dei monaci buddisti in Tibet. Una fonte locale: “Il regime ha distrutto le basi della nostra religione, assolutamente pacifica, in Tibet. E questo è il risultato”.
Pechino (AsiaNews) – Il governo comunista cinese, ateo e contrario alla libertà religiosa, ha accusato “la cricca del Dalai Lama” di “andare contro la morale” nell’incitare i monaci tibetani ad immolarsi tramite il fuoco: “I casi di immolazioni sono contrari alla morale e alla coscienza, e dovrebbero essere condannati” ha affermato la portavoce del ministero degli esteri cinese Jiang Yu in una conferenza stampa.

Dall’inizio del mese, otto monaci e una monaca buddisti si sono suicidati o hanno tentato di farlo col fuoco. Quasi tutti i casi si sono verificati nella prefettura di Aba, zona cinese ad alta popolazione tibetana nella provincia del Sichuan, ai confini con il Tibet. Le critiche cinesi si sono scatenate dopo che a Dharamsala – sede indiana del governo tibetano in esilio – il leader del buddismo tibetano ha guidato una elaborata cerimonia e un digiuno di preghiera lungo un giorno “per commemorare, con spirito di solidarietà, i nostri fratelli morti”.

Alla cerimonia ha partecipato anche il primo ministro tibetano, Lobsang Sangay, che ha dichiarato: “Noi rendiamo omaggio al loro coraggio e siamo solidali con il loro spirito indomabile”. Le vittime sono Lobsang Phuntsok (20 anni), Tsewang Norbu (29), Khaying (18), Choephel (19) e la monaca Tenzin Wangmo (20): tutti loro sono morti per combustione. Le preghiere sono state indirizzate anche a Lobsang Kelsang (18), Lobsang Kunchok (19), Kelsang Wangchuk (17), and Norbu Damdul (19): di questi non si conosce la sorte. Il premier ha chiesto all’Onu di inviare un team che raccolga informazioni su questi monaci.

Tutti i religiosi appartengono al monastero di Kirti, nella zona della cittadina di Ngaba. Questo luogo di culto è stato fondato relativamente poco tempo fa da un abate che, in precedenza, lavorava come bibliotecario nel monastero del palazzo Potala, sede dei Dalai Lama in Tibet. Questo abate, spiega una fonte locale ad AsiaNews, “non è un grande studioso, ma un uomo molto politicizzato. Inoltre vive a Dharamsala, dove si trova in realtà la sede principale del monastero”.

Il suicidio rituale, in effetti, non appartiene alla tradizione o all’insegnamento buddista: “Soltanto i seguaci del sentiero del diamante – spiega ancora la fonte – potrebbero in qualche modo tollerarlo, ma si tratta di pochissime persone che non esistono quasi più, come congregazione. Qui siamo davanti a un fenomeno completamente diverso, in cui bravi giovani si trovano stretti fra un regime repressivo e una religione insegnata nel modo sbagliato”.

In effetti, conclude la fonte, “se si deve accusare qualcuno di incitare al suicidio, questo qualcuno è il governo cinese. Se non avessero distrutto la nostra cultura e la nostra fede, massacrando monaci e abati per sostituirli con burattini teleguidati, non si sarebbe mai verificato un fenomeno del genere. Il buddismo tibetano insegna la pace e la non violenza. Sono loro che l’hanno distrutto”.  
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dalai Lama: il “genocidio culturale” dei tibetani provoca le autoimmolazioni
07/11/2011
Tibet, madre di due figli si dà fuoco contro l’occupazione cinese: è morta
28/05/2015
Tibet, 32enne si dà fuoco e muore contro l'occupazione cinese
16/04/2014
Tibet, 120ma autoimmolazione: monaca buddista si dà fuoco contro la Cina
12/06/2013
Pestaggi e arresti mentre due tibetani si danno fuoco
14/08/2012