26/12/2005, 00.00
vaticano
Invia ad un amico

Papa: Santo Stefano, la fede cristiana e l'eroismo dei martiri

Città del Vaticano (AsiaNews) – Lo stretto legame fra la nascita di Gesù è il martirio di Stefano, il primo martire, è stato al centro dell'Angelus di oggi, pronunciato da Benedetto XVI dal balcone del suo studio.

Non è "fuori luogo" che la gioia del Natale sia segnata dal "martirio", ha detto il pontefice. I cristiani, divenuti discepoli di Cristo, lo seguono "sul cammino della Croce". Il papa ha ricordato i tanti martiri e persecuzioni subite dalla Chiesa nel corso dei secoli, fino al giorno d'oggi. E ha ricordato che "anche là dove non vi è persecuzione, vivere con coerenza il Vangelo comporta un alto prezzo da pagare".

Ecco le parole di Benedetto XVI prima dell'Angelus:

 

Cari fratelli e sorelle!

Dopo aver celebrato ieri con solennità il Natale di Cristo, facciamo oggi memoria della nascita al cielo di Santo Stefano, il primo martire. Un particolare legame unisce queste due feste ed è ben sintetizzato nella liturgia ambrosiana da questa affermazione: "Ieri il Signore è nato sulla terra perché Stefano nascesse al cielo" (Allo spezzare del pane). Come Gesù sulla croce si è affidato completamente al Padre e ha perdonato i suoi uccisori, così Stefano al momento della sua morte prega dicendo: "Signore Gesù, accogli il mio spirito"; e ancora: "Signore, non imputare loro questo peccato" (cfr At 7,59-60). Stefano è un autentico discepolo di Gesù e un perfetto suo imitatore. Inizia con lui quella lunga serie di martiri che hanno suggellato la propria fede con l'offerta della vita, proclamando con la loro eroica testimonianza che Dio si è fatto uomo per aprire all'uomo il Regno dei Cieli.

Nell'atmosfera di gioia del Natale non sembri fuori luogo il riferimento al martirio di Santo Stefano. In effetti, sulla mangiatoia di Betlemme già s'allunga l'ombra della Croce. La preannunciano la povertà della stalla in cui il Bambino vagisce, la profezia di Simeone sul segno di contraddizione e sulla spada destinata a trafiggere l'anima della Vergine, la persecuzione di Erode che renderà necessaria la fuga in Egitto. Non deve stupire che un giorno questo Bambino, diventato adulto, chieda ai suoi discepoli di seguirlo sul cammino della Croce con totale fiducia e fedeltà. Attratti dal suo esempio e sorretti dal suo amore molti cristiani, già alle origini della Chiesa, testimonieranno la loro fede con l'effusione del sangue. Ai primi martiri ne seguiranno altri nel corso dei secoli fino ai giorni nostri. Come non riconoscere che anche in questo nostro tempo, in varie parti del mondo, professare la fede cristiana richiede l'eroismo dei martiri? Come non dire poi che dappertutto, anche là dove non vi è persecuzione, vivere con coerenza il Vangelo comporta un alto prezzo da pagare?

Contemplando il divino Bambino fra le braccia di Maria e guardando all'esempio di Santo Stefano, chiediamo a Dio la grazia di vivere con coerenza la nostra fede, pronti sempre a rispondere a chiunque ci domandi ragione della speranza che è in noi (cfr 1 Pt 3,15).

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: A s. Stefano, ricordiamo i tanti credenti sottoposti a prove e sofferenze a causa della fede
26/12/2009
Papa: nella preghiera e la comunione con Gesù, la forza per affrontare anche la persecuzione
02/05/2012
Papa: la persecuzione ha sempre dato nuova forza alla fede
10/01/2007
Papa: il martirio cristiano, un atto d’amore anche verso i persecutori
26/12/2007
Papa: Affido a Maria tutti i martiri e i perseguitati per il Vangelo
26/12/2006