06/10/2008, 00.00
CINA
Invia ad un amico

I dissidenti Hu Jia e Gao Zhisheng favoriti per il Nobel per la Pace

Per il premio, che sarà assegnato il 10 ottobre, favoriti i due noti attivisti per i diritti umani, in carcere da tempo per reati d’opinione. Seccata reazione di Pechino. Ma altri commentano che è ora nel Paese ci siano “importanti cambiamenti”.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Gli attivisti cinesi per i diritti umani Hu Jia e Gao Zhisheng sono tra i favoriti per il premio Nobel per la pace, che sarà assegnato il 10 ottobre a Oslo. La giuria del premio non rilascia mai anticipazioni, ma Stein Toennesson, esperto e direttore dell’International Peace Research Institute di Oslo, commenta che quest’anno, 60mo anniversario della Dichiarazione universale Onu dei diritti  dell’uomo, il premio potrebbe andare a chi si batte per essi. Ritiene “probabile” vinca un dissidente cinese e “che la scelta più probabile sarà tra Gao Zhisheng e Hu Jia, entrambi in prigione”. Anche perché – scrive sul suo sito web – negli anni scorsi il Comitato può non aver premiato dissidenti cinesi per non “offendere” Pechino e incoraggiare un miglioramento dei diritti per le Olimpiadi del 2008, ma “i Giochi non hanno portato l’auspicato miglioramento”.

Hu è noto per la sua lotta a favore dei malati di Aids ed è diventato anche una sorta di riferimento centrale della dissidenza cinese: ha raccolto articoli, preparato ricorsi legali e presentato alla comunità internazionale l’opera di tutti gli altri oppositori del regime. Ha collaborato con i media stranieri e con le ambasciate, fornendo materiale sulle violazioni ai diritti umani commesse dal Partito comunista e, più di recente, a favore dei molti cittadini vessati per preparare le Olimpiadi. E’ stato di nuovo arrestato a dicembre e condannato ad aprile a 3 anni e mezzo di prigione, per “istigazione ad attività sovversiva”, per avere criticato il governo per le violazioni di diritti commessi per preparare le Olimpiadi. Il premio potrebbe essere assegnato insieme alla moglie Zeng Jinyan (nella foto), da mesi agli arresti domiciliari con la figlia di pochi mesi e controllata a vista dalla polizia.  “Questa non sarebbe necessariamente una cattiva cosa, per mio marito e me”, commenta Zeng al South China Morning Post, riferendosi alle possibili reazioni del governo.

Gao è un avvocato che ha difeso i diritti dei cittadini, compresi molti membri del movimento religioso perseguitato Falun Gong. Il 22 settembre 2007 è stato portato via da casa, dove era agli arresti domiciliari, e da allora non se ne hanno notizie.

Seccata la reazione di Pechino. Liu Jianchao, portavoce del ministro cinese degli Esteri, si è augurato che “il Comitato [per il premio Nobel] prenda la decisione giusta, senza mutare il fine originale del Nobel per la pace né urtare i sentimenti del popolo cinese”, aggiungendo che il premio va assegnato a chi “ha davvero contribuito” alla pace nel mondo.

E’ invece entusiasta l’attivista anti-Aids Wan Yanhai, cofondatore con Hu del Beijing Aizhixing Institute per aiutare i malati di Hiv-Aids, che dice sarebbe “una grande cosa per gli attivisti per i diritti umani in Cina. Abbiamo proprio bisogno di un simile incoraggiamento dalla comunità internazionale”. Aggiunge che gli attivisti cinesi “sono pronti” a fare sacrifici, se Pechino rispondesse con violenza, perché “è l’ora che in Cina ci siano importanti cambiamenti”.

Tra i favoriti ci sono anche l’avvocatessa cecena Lidiya Yusupova che si batte per i diritti dei ceceni, vittime di rapimenti, torture e uccisioni, e il monaco vietnamita buddista e attivista dei diritti umani Thich Quang Do.

L’ultimo premio Nobel per la pace a un attivista per i diritti umani è stato quello del 2003, all’iraniana Shirin Ebadi. Nel 1989 ha vinto il premio il Dalai Lama, leader spirituale tibetano in esilio.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
In carcere, l’attivista Hu Jia rischia la vita
02/10/2008
UE: liberate Hu Jia, le Olimpiadi non siano un pretesto per arresti illegali
21/01/2008
La Cina verso le Olimpiadi: arrestato un altro attivista per i diritti umani
07/09/2006
Premio Sakharov ad Hu Jia: ira per Pechino, gioia per gli attivisti
24/10/2008
Per il Capodanno cinese “scrivete a Gao Zhisheng, in prigione per la giustizia”
22/01/2013