30/10/2004, 00.00
MEDIO ORIENTE – STATI UNITI
Invia ad un amico

Fra Bush e Kerry, Bin Laden suggerisce uno "stile Zapatero"

In un sondaggio sul sito in lingua araba di al-Jazeera il 60% degli internauti afferma di non trovare differenze fra Bush e Kerry.

Washington (AsiaNews/Agenzie) – "La vostra sicurezza non è nelle mani di Bush, di Kerry o di al-Qaeda. La vostra sicurezza è nelle vostre mani. Se uno stato non attenta alla nostra sicurezza, noi non lo colpiremo". Con una sortita in stile "zapateriano", Osama Bin Laden torna a parlare all'America in un video diffuso ieri sera dall'emittente araba al-Jazeera; il leader islamico fa la sua comparsa nella campagna elettorale USA e rivolge nuove minacce all'occidente: "Mi rivolgo a voi – afferma Bin Laden – per scongiurare il ripetersi di nuove Manhattan. Bush vi ha mentito e continua a farlo: la nostra reazione sarebbe stata meno severa se egli non ci avesse attaccato. Chiedete a Bush perché non abbiamo colpito la Svezia, per esempio".

Nel video il principe saudita appare riposato e in discrete condizioni, guarda diretto alla telecamera con un tono calmo e tranquillo. A differenza del passato egli appare più un capo di stato che parla alla nazione, piuttosto che un ribelle in fuga. Negli ultimi mesi, le decapitazioni, i rapimenti, i crimini commessi da gruppi di Al Qaeda hanno allontanato molta opinione pubblica araba dai pretesi ideali del gruppo terrorista. Bin Laden cerca di recuperare consenso legando la sua lotta a quella contro Israele, facendo risalire la sua guerra ai tempi dell'invasione israeliana del Libano (1982). Egli conferma, per la prima volta, il coinvolgimento nelle stragi dell'11 settembre: "Mentre vedevo le torri colpite in Libano, ho giurato che il tiranno doveva essere punito allo stesso modo, perché capisse le sofferenze che abbiamo passato".

La nuova minaccia di Bin Laden arriva alla vigilia delle elezioni americane: difficile stabilire quali equilibri possa intaccare e come verranno mosse le coscienze degli elettori, sensibili al tema della sicurezza interna.

Un dato interessante arriva dal sito internet in lingua araba di al-Jazeera: alla domanda "chi preferite che vinca le elezioni USA, Bush o Kerry?" il 60% degli internauti arabi ha risposto "l'uno vale l'altro". Sulle oltre 38 mila risposte giunte fino ad oggi il 60,2% ha affermato di non trovare alcuna differenza sostanziale fra i due candidati. Solo il 27,2% opta per Kerry , mentre il 12,6%  è per Bush.(DS)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Islamabad nega ai marines il permesso di entrare nel Paese
23/07/2007
Terroristi giustiziano 49 reclute dell'esercito
25/10/2004
In Medio oriente convinti che saranno gli affari a guidare la politiche del “mercante” Trump
11/11/2016 13:18
Il Medio oriente guarda alla vittoria di Bush
04/11/2004
La guerra Usa al terrorismo ha fatto mezzo milione di morti dall'11 settembre
10/11/2018 10:42