06/06/2007, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Dal Sinodo caldeo trapelano i nomi di 2 nuovi vescovi

Sono Fadi Isho e Philip Najim. A tema vi è la sicurezza per i cristiani e la contrastata “soluzione etnica” di una enclave cristiana.

Baghdad (AsiaNews) – Il Sinodo caldeo riunito in questi giorni ad Alquoch avrebbe nominato due nuovi vescovi rispettivamente per Arbil e per l’Europa. Voci sempre più insistenti e critiche accusano il Sinodo di aver fatto trapelare i nomi prima dell’approvazione papale, tradendo il segreto sinodale.

Il patriarca Emmanuel Delly ha scelto come vescovo di Arbil il monaco Fadi Isho e come vescovo per l’Europa mons. Philip Najim, rappresentante del patriarca caldeo in Italia.

Al Sinodo non hanno partecipato sette vescovi, tra i quali mons. Louis Sako di Kirkuk, mons. Rabban al-Qas di Amadiyah e Erbil; mons. Petros Hanna Issa Al-Harboli  di Zakho; mons. Mikha Pola Makdassi di Alquoch; mons. Antoine Audo di Aleppo.

Uno dei temi che il Sinodo doveva affrontare era la situazione della sicurezza per i cristiani. Alcuni vescovi caldei in America premono per far nascere una “enclave cristiana” nella piana di Ninive, sradicando il tessuto di convivenza interreligiosa presente in Iraq da secoli e rischiando di trasformare i cristiani in una minoranza etnica (“assira”) che si rinchiuderebbe in un ghetto.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Piana di Ninive: un ghetto per i cristiani iracheni é un’illusione
20/04/2009
È morta la madre delle due sorelle cristiane uccise a Mosul
20/11/2008
Nuove violenze a Mosul: padre e figlio uccisi perché cristiani
23/10/2008
Vescovo caldeo di Kirkuk: A Mosul si cancellano i cristiani per motivi politici
22/10/2008
Sinodo caldeo: 'Solidarietà e orgoglio' dei cristiani irakeni, testimoni di pace, fede e unità
09/10/2017 12:55