Natale in Asia, la pace nella guerra

Natale in Asia, la pace nella guerra

27/12/2003
Preghiera di Natale proibita dalla polizia
26/12/2003
Martirio, un ideale per tutti
25/12/2003
Il Papa: Il Bambino ha cambiato il corso della storia
25/12/2003
Messaggio Natalizio: Cristo ci salva da terrorismo e violenza
24/12/2003
Natale fra guerriglie e rapimenti
23/12/2003
Lettera da Gerusalemme: La Pace sia con voi. Non temete!

Gerusalemme (AsiaNews) - Una quarantina di carri armati e blindati israeliani sono entrati stamattina presto nel campo profughi di Rafah, vicino alla striscia di Gaza, facendo 3 morti e 20 feriti. L'esercito israeliano ha precisato che il raid rientra nel quadro delle operazioni per scoprire e distruggere tunnel che dall'Egitto permettono di introdurre armi a Gaza. Ieri, nel corso di uno scontro a Gaza, una granata è caduta su un gruppo di militari israeliani, uccidendone 2. Intanto il Ministro degli esteri egiziano Ahmed Maher, rientrato al Cairo, ha dichiarato che l'incidente di cui è stato vittima ieri alla moschea di Al Aqsa non avrà "alcun impatto sull'essenza della politica egiziana… Stiamo lavorando per far sì che il popolo palestinese riguadagni i suoi diritti". Ieri, all'uscita della moschea, Maher è stato attaccato da alcuni dimostranti appartenenti a un gruppo islamico radicale chiamato "Movimento di Liberazione Islamico".

Tutte queste notizie sembrano provare in profondità la volontà di pace che esiste in Terrasanta. In un'inchiesta pubblicata ieri sul Jerusalem Post, il sostegno dei palestinesi verso chi usa violenza contro soldati e coloni dei territori Occupati è dell'87%. Ma sebbene vi sia un alto sostegno alla violenza, circa l' 83% è favorevole alla mutua cessazione della violenza  e il 73% sostiene che continuare le violenze impedisce il ritorno ai negoziati.

La confusione regna anche nel campo israeliano. Ieri alcuni soldati di Tsahal (l'esercito israeliano) sono stati condannati ad Haifa per essersi rifiutati di combattere contro i palestinesi. Diserzioni e rifiuti a combattere divengono sempre più comuni fra  soldati e ufficiali, pur considerati "patrioti" e amanti di Israele.

Nel groviglio contraddittorio di sentimenti e di scelte, nell'aspra stagnazione che regna in Terrasanta, abbiamo chiesto a Mons. Pietro Sambi, Delegato Apostolico di Gerusalemme e Palestina, di offrirci alcune piste per costruire la pace ed avere speranza.

23/12/2003
Fare festa condividendo il cibo e la gioia
23/12/2003
Betlemme isolata e triste: i cristiani emigrano
22/12/2003
Proposte di Natale all'insegna della condivisione

Il corrispondente di AsiaNews da Seul ha raccolto alcuni semplici modi in cui persone diverse passeranno il Natale. Fatte le debite  proporzioni, esse sono un suggerimento anche per i cristiani e le persone di tutto il mondo.

21/12/2003
Il Papa: Natale è umiltà, silenzio, stupore, gioia
19/12/2003
Stato di allerta attorno a chiese e centri urbani fra Natale e Capodanno