02/10/2007, 00.00
TURCHIA
Invia ad un amico

Tarso si prepara per i pellegrini dell’anno paolino

La città turca progetta di investire in strutture turistiche per accogliere quanti vi si recheranno nell’ambito degli eventi liturgici, culturali ed ecumenici che Benedetto XVI ha annunciato si svolgeranno l’anno prossimo.
Istanbul (AsiaNews) – Tarso, la città natale di San Paolo, vuole prepararsi per accogliere quanti la visiteranno nel 2008, proclamato a gennaio da Benedetto XVI Anno paolino. Nel bimillenario della nascita dell’apostolo delle genti, il Papa ha annunciato “una serie di eventi liturgici, culturali ed ecumenici, come pure varie iniziative pastorali e sociali, tutte ispirate alla spiritualità paolina”.
 
Situata sulla costa meridionale della Turchia, di fronte a Cipro, oggi Tarso è una città di quasi 200mila abitanti che, riferisce la Adana - Anatolia News Agency, vuole prepararsi all’appuntamento. L’amministratore del distretto, Abdulhamit Erguvan, sostiene che “dobbiamo mirare ad una promozione dell’immagine della nostra città nel mondo, anche se dovesse costarci 100 milioni di dollari”. Erguvan ha posto in particolare l’accento sul fatto che in città “non ci sono alberghi accoglienti per i turisti”.
 
Il presidente della Camera di commercio, Mehmet Karagozlu, dal canto suo, sostiene che la mancanza di attrezzature di base crea problemi nell’antica città. Il suo progetto mira a “trasformare alcune antiche case in piccoli alberghi accoglienti”. “L’anno di San Paolo – sostiene – è una opportunità molto buona e noi dobbiamo coglierla per creare una buona immagine della nostra città”.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: Nell’Anno sacerdotale, imitare san Paolo nella passione per Cristo e per il Vangelo
28/06/2009
Bartolomeo I: vertice ortodosso per “l’unità della Chiesa”
11/10/2008
Nel nome di Paolo, vertice ortodosso in Turchia
09/10/2008
A Tarso, dove per i cristiani “l’unità nella diversità” è esperienza quotidiana
25/01/2008
Papa: La scienza conferma che nella tomba vi sono i resti mortali dell’apostolo Paolo
28/06/2009