25/02/2014, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Sri Lanka, "inconcludenti" le indagini del governo sulle sparizioni forzate della guerra civile

di Melani Manel Perera
Lo afferma una ong attiva nel campo dei diritti umani, che opera nel nordest del Paese. Il presidente ha esteso ad altri sei mesi l'inchiesta governativa sui presunti sequestri avvenuti durante il conflitto. Per la popolazione, la prima fase d'indagini è stata viziata dalla presenza di militari e dalla mancanza di interpreti.

Colombo (AsiaNews) - Attivisti per i diritti umani e ong locali giudicano "inconcludente" la prima fase di indagini compiuta dal governo sui presunti sequestri e sulle "sparizioni forzate" avvenuti nelle province del nord e dell'est tra il 1990 e il 2009, durante la guerra civile. Intanto, il presidente Mahinda Rajapaksa ha esteso ad altri sei mesi il mandato della Commissione incaricata di condurre tale inchiesta, che avrà tempo fino al 12 agosto 2014 per raccogliere dati e informazioni. Il capo dello Stato lo ha annunciato il 21 febbraio scorso.

La prima fase di indagini si è chiusa il 17 febbraio nel distretto di Jaffna. In precedenza la Commissione presidenziale ha visitato anche il distretto di Kilinochchi (19-21 gennaio). Finora il gruppo di esperti ha ricevuto 16mila denunce, provenienti da ogni parte del Paese.

Diversi osservatori notano il tempismo con cui Rajapaksa ha deciso di estendere il mandato della Commissione presidenziale. Il prossimo marzo a Ginevra si terrà una nuova sessione di incontri, durante la quale il Consiglio Onu per i diritti umani dovrebbe presentare la terza risoluzione contro il governo dello Sri Lanka, accusato di presunti crimini contro l'umanità durante il trentennale conflitto civile e di non aver attuato un efficace processo di riconciliazione con la comunità tamil.

I tamil, secondo gruppo etnico-linguistico dello Sri Lanka, sono stati i più colpiti dalla guerra civile, che si è svolta soprattutto nel nordest dell'isola, dove essi sono la maggioranza.

Secondo l'ong Law and Society Trust (Lst), la Commissione presidenziale avrebbe inoltre condotto le indagini nelle province in modo discutibile. In particolare, l'associazione per i diritti umani critica la massiccia presenza di agenti di polizia e militari, che avrebbero "intimorito" le persone. "È noto - spiega in un comunicato la Lst - che per anni le famiglie di persone scomparse hanno ricevuto minacce continue da membri delle forze dell'ordine e ufficiali dell'esercito". La loro presenza quindi non avrebbe facilitato la raccolta di testimonianze.

Inoltre, l'ong critica il fatto che la Commissione si è relazionata con la popolazione locale usando solo documenti in inglese, pur sapendo che la lingua ufficiale nel nordest è il tamil e che molta gente non conosce altro linguaggio. "Chi ha fornito la propria testimonianza - spiega la Lst - ha avuto l'assistenza di interpreti della Commissione, senza però avere modo di controllare le informazioni da loro fornite". 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Alto commissario Onu: Lo Sri Lanka si avvia verso l’autoritarismo
02/09/2013
Sri Lanka, polizia impedisce a centinaia di tamil di partecipare a una protesta pacifica
08/03/2013
Sri Lanka, avvocato cristiano rischia il sequestro. “Non abbandono la mia missione”
01/03/2013
Sparizioni forzate, l’arma dello Sri Lanka per combattere le sue guerre
30/08/2012
Vavuniya, famiglie degli "scomparsi": Il governo fermi le atrocità
02/09/2014