13/03/2014, 00.00
ISRAELE - PALESTINA
Invia ad un amico

Raid israeliano su Gaza dopo una pioggia di missili della Jihad islamica

di Joshua Lapide
Per la brigata militante, sono stati lanciati 130 razzi; per Israele il numero è di 41. Gli aerei israeliani hanno colpito "29 siti terroristi". Nessuna vittima da una parte e dall'altra. Lieberman propone di rioccupare Gaza.

Gerusalemme (AsiaNews) - La Jihad islamica con base a Gaza ha lanciato ieri decine di missili nel sud di Israele, colpendo zone abitate. Rivendicando l'attacco, il gruppo militante radicale si è vantato di aver lanciato "130 missili" in risposta a un attacco aereo israeliano che l'11 marzo aveva ucciso tre suoi membri.

L'esercito israeliano ha precisato ieri sera che in totale sono stati lanciani "41 missili..., cinque sono caduti su zone abitate e tre sono stati intercettati dal sistema di difesa Iron Dome".

In rappresaglia, ieri in serata, alcuni raid israeliani hanno colpito "29 siti terroristi", base delle Brigate di Al Qods e delle Brigate Ezzedine-al Qassam nel nord e nel sud della Striscia.

Entrambi si vantano di aver evitato stragi di persone. L'esercito d'Israele ha detto che "migliaia di israeliani che abitano la regione hanno dovuto nascondersi nei rifugi"; la Jihad islamica afferma che i combattenti avevano evacuato tutte le loro basi prima dei raid.

In effetti, dalle prime informazioni non sembra che vi siano vittime dalle due parti. Hamas e Israele si accusano a vicenda di aver violato una tregua decisa nel novembre 2012.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di "continuare a colpire coloro che vogliono farci del male". Avigdor Lieberman, ministro degli esteri, ha detto che Israele non ha altra scelta che rioccupare Gaza.

Israele ha occupato la Striscia fino al 2005; nel 2007 essa è passata sotto il governo del gruppo islamista di Hamas. Pur avendo ritirato coloni e truppe dal territorio, Israele continua a mantenere un blocco navale e aereo, insieme a controlli e restrizioni per il passaggio di persone e merci.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’Egitto cerca di chiudere il passaggio di Rafah; Hamas apre nuove falle nel muro
25/01/2008
Alleggerito l’embargo su Gaza, mentre l’Onu programma una seduta straordinaria
22/01/2008
Gaza nel buio per l’embargo israeliano di carburante
21/01/2008
Uri Avnery: Gaza, da 'seconda Singapore' a prigione a cielo aperto
09/06/2018 09:00
Israele riduce la fornitura elettrica a Gaza. Le autorità palestinesi si accusano l’un l’altra
13/06/2017 09:10