14/11/2014, 00.00
VATICANO-SRI LANKA-FILIPPINE
Invia ad un amico

Papa in Sri Lanka e Filippine: visita alla Madonna di Madhu e ai sopravvissuti al tifone

Nell'ex Ceylon Francesco incontra i leader politici e religiosi; beatifica il missionario Giuseppe Vaz e si reca al santuario mariano di Nostra Signora di Lanka. Nelle Filippine pranza con i sopravvissuti al tifone Yolanda, benedice un nuovo Centro per i poveri, incontra i giovani e le famiglie.

Città del Vaticano (AsiaNews) - Un pranzo con i sopravvissuti al tifone Yolanda, la beatificazione del missionario Giuseppe Vaz, una visita al grande santuario mariano di Madhu. E poi incontri con le autorità politiche e religiose, con i sacerdoti e con le famiglie di Sri Lanka e Filippine. Saranno questi i momenti più intensi della visita di papa Francesco nei due Paesi asiatici, che si svolgerà dal 12 al 19 gennaio 2015, secondo il programma ufficiale pubblicato questa mattina dalla Sala Stampa della Santa Sede.

La partenza è prevista per le 19 di lunedì 12, mentre l'arrivo in Sri Lanka - complice il fuso orario - sarà la mattina del giorno successivo. Dopo la cerimonia di benvenuto all'aeroporto internazionale di Colombo, il pontefice incontra i vescovi e il presidente. Nel tardo pomeriggio previsto un meeting interreligioso presso la Bandaranaike Memorial International Conference Hall.

La mattina di mercoledì 14 sarà dedicata alla messa di canonizzazione del beato Giuseppe Vaz nel Galle Face Green a Colombo. Subito dopo pranzo, Francesco si trasferirà in elicottero presso il Santuario di Nostra Signora del Rosario a Madhu, uno dei più venerati di tutta l'Asia, dove guiderà una preghiera alla Vergine. Poi il ritorno nella capitale. Giovedì 15, dopo una breve visita alla Cappella "Our Lady of Lanka" a Bolawalana, il Papa riparte verso Manila.

Nelle Filippine l'arrivo è previsto  alle 17.45 sempre del 15 gennaio. Il giorno successivo si apre con una cerimonia di benvenuto e un incontro con il presidente Aquino, seguito da un saluto alle autorità e al corpo diplomatico. Prima di pranzo, messa con vescovi, sacerdoti, religiose e religiosi nella Cattedrale dell'Immacolata Concezione a Manila. Nel pomeriggio, incontro con le famiglie nel Mall of Asia Arena a Manila.  

Sabato 17 gennaio, Francesco lascia Manila per Tacloban, una delle aree colpite dal tifone Yolanda. Qui celebra una messa nei pressi dell'aeroporto, e pranza con alcuni superstiti presso l'arcivescovado di Palo. Alle 15, benedice il "Pope Francis Center for the Poor" e subito dopo incontra il clero locale e le famiglie dei superstiti presso la cattedrale. In serata il rientro a Manila.

Domenica 18 tre appuntamenti: breve incontro con i leader religiosi presso l'Università Santo Tomas a Manila; incontro con i giovani nel campo sportivo dell'Università e, alle 15.30, messa presso l'enorme Rizal Park di Manila. La mattina successiva, partenza per Roma: l'atterraggio a Ciampino è previsto per le 17. In totale, Francesco pronuncerà sette discorsi ufficiali e quattro omelie. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Giovani cattolici: Papa Francesco e san Giuseppe Vaz sono i nostri eroi
14/01/2015
Card. Gracias: S. Giuseppe Vaz, dono dell'Asia alla Chiesa e alla nuova evangelizzazione
14/01/2015
La "Misa de Gallo" fra le baracche di Leyte, in attesa di papa Francesco
30/12/2014
Il Papa nella tempesta di Tacloban: Abbiamo un Signore che piange con noi e ci accompagna nella catastrofe
17/01/2015
Filippine, i sopravvissuti di Yolanda per i colpiti dal tifone Melor
29/12/2015