16/12/2015, 00.00
SRI LANKA - VATICANO
Invia ad un amico

Opere di misericordia tra bambini e pellegrini, il Giubileo in Sri Lanka (Foto)

di Melani Manel Perera
L’Anno Santo è stato inaugurato dal card. Malcolm Ranjith l’8 dicembre. In contemporanea si sono svolte preghiere in tutte le parrocchie del Paese. Il 12 dicembre si è aperta l’ultima Porta Santa a Tewatte, che sarà spalancata per tutto il 2016 dalle 6 di mattina alle 8 di sera. La Chiesa cattolica lancia nuovi corsi di religione; incentiva la formazione dei bambini; incoraggia i pellegrinaggi anche all’estero.

Colombo (AsiaNews) – Istituire nuovi corsi per l’insegnamento della religione cattolica, nelle scuole statali e private; incentivare la formazione dei bambini, far scoprire loro la bellezza della buona coscienza e aiutarli a ricercare con costanza la purezza dello spirito; organizzare maggiori occasioni di pellegrinaggio nei santuari all’interno del Paese e all’estero. Sono alcuni dei propositi che la Chiesa cattolica dello Sri Lanka si è posta all’apertura dell’Anno Santo della Misericordia, inaugurato dal card. Malcolm Ranjith, arcivescovo di Colombo, l’8 dicembre.

La cerimonia di inaugurazione del Giubileo si è svolta presso la cattedrale di santa Lucia di Kotahena, sede dell’arcidiocesi di Colombo, alle 6 del pomeriggio (ora locale). Erano presenti anche mons. Emmanuel Fernando, vescovo ausiliario, mons. Maxell Silva, diversi sacerdoti, religiosi e laici. Il card. Ranjith ha dato per primo esempio di fede cristiana, confessandosi prima dell’apertura della Porta Santa.

In contemporanea, in tutte le parrocchie dell’arcidiocesi si sono svolte preghiere speciali e la benedizione dell’Eucaristia. L’arcidiocesi ha anche registrato dei brani musicali su un cd e ha distribuito ai fedeli la preghiera composta da papa Francesco per l’Anno Santo. La preghiera sarà recitata in ogni Messa – dopo il rito della Comunione – dalle comunità parrocchiali, nelle scuole cattoliche e nelle altre istituzioni religiose.

Il 10 dicembre scorso si è svolta anche un’ora di adorazione e riflessione presso il St. Joseph College della capitale, durante la quale i sacerdoti dell'arcidiocesi hanno avuto la possibilità di confessarsi. A proposito del rito della Confessione, la Chiesa dello Sri Lanka ha invitato tutti i fedeli a far diventare un’abitudine il riconciliarsi con Dio.

Infine l’ultima Porta Santa dell’isola asiatica si è aperta il 12 dicembre nella basilica nazionale di Nostra Signora di Lanka a Tewatte (a nord di Colombo). La Porta rimarrà aperta con orario continuato durante tutto il 2016 dalle 6 di mattina alle 8 di sera.

Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Year of Mercy in Sri Lanka
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il giubileo dei tribali Mundari e la visita alla tomba di Madre Teresa
25/02/2016 12:31
Papa: Alla Porta santa, Gesù ti dice “Alzati!”. “Con il cuore guarito faccio opere di misericordia”
10/08/2016 10:52
Basilica di Nostra Signora di Lanka a Tewatte: benedizione dei malati e del Paese (Foto)
27/08/2019 14:17
Tewatte, i cattolici celebrano la festa di Nostra Signora di Lanka (video)
11/02/2016 13:08
Celebrazioni in onore di Gonsalves e del beato Vaz, “fondatori” della Chiesa in Sri Lanka
19/07/2010