08/08/2015, 00.00
PALESTINA – ISRAELE
Invia ad un amico

Nablus, morto anche il padre del bimbo di 18 mesi bruciato vivo dai coloni

L’uomo, 32 anni, è deceduto per le ustioni di secondo grado riportate durante l'attentato. Restano gravi la moglie e il primogenito di 4 anni.

Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – È morto questa mattina il padre del bambino palestinese di un anno e mezzo che era stato bruciato vivo il 31 luglio scorso, nell’incendio appiccato alla loro casa a Duma, vicino Nablus, da coloni israeliani. Saad Dawabsha, 32 anni, è deceduto in un ospedale israeliano, dove era in cura per le ustioni di secondo grado riportate su tutto il corpo. La moglie e l’altro figlio di 4 anni restano in condizioni critiche. Il funerale dovrebbe tenersi oggi.

Come raccontato da alcuni testimoni oculari, coloni israeliani hanno lanciato bombe incendiarie nella casa e, prima di fuggire, hanno scritto sulle mura “vendetta” e “viva il messia”. Saad e sua moglie Riham sono riusciti a portare in salvo il figlio maggiore, Ahmad, ma non il piccolo Ali, morto quasi subito.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha bollato l’attacco come “terrorista”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mirpur, vittime della baraccopoli bruciata: Incendio doloso per farci andare via
21/08/2019 12:05
Israele ordina la costruzione di centinaia di nuovi insediamenti in Cisgiordania
07/06/2012
Rabbini condannano l’incendio di una moschea in Cisgiordania
06/10/2010
Arrestato estremista ebraico, sospettato degli attacchi a Douma e alla chiesa in Galilea
04/08/2015
Israele vara nuove misure contro gli estremisti ebrei. Ma c’è chi ci vede solo ipocrisia
03/08/2015