17/11/2010, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

L’epica indù-cristiana del XVII secolo, contro il fondamentalismo di oggi

di Nirmala Carvalho
Nel momento in cui fanatismo e nazionalismo religiosi sono in crescita, il poema epico creato da un gesuita del ‘600 offre l’esempio della possibilità di costruire ponti fra le culture e modelli di pensiero differenti. Un tentativo di realizzare un incontro fra indù e cristiani.

 

Mumbai (AsiaNews) – Konkan Kristapurana, simbiosi della cultura cristiana e marathi, è un poema epico creato nel ‘600 da un gesuita, Thomas Stephens. L’opera rappresenta un tentativo di costruire un ponte fra fede cristiane cultura locale ed è stato discusso nel corso di un seminario organizzato ieri dal dipartimento di cultura marathi dall’università di Pune. Il testo offre le idee e le immagini della Bibbia in uno stile tradizionale (il purana) molto adatto a quanti si convertivano dall’induismo al cristianesimo. Il vescovo Thomas Dabre della diocesi di Pune, aprendo i lavori del seminario, ha sottolineato il valore attuale di quell’opera secolare: “Nell’età della globalizzazione, in cui c’è una tensione costante fra culture locali e straniere, fra tradizione e modernità, il Kristapurana indica la strada per bilanciare il vecchio e il nuovo, persino 400 anni dopo che è stato scritto. Il contributo radicale di questo poema epico è il messaggio secondo cui tutte le religioni dovrebbero essere aperte alle culture e ai modelli di pensiero nel mondo”.

Mons. Dabre ha detto che “Padre Stephens era padrone del marathi, e rispondeva alle aspirazioni della gente di capire il cristianesimo nel proprio linguaggio. E’ importante osservare come l’autore riusciva a essere in sintonia con il suo pubblico”. Uno specialista del Konkan Kristapurana, il salesiano Nelson Falcao, ha osservato che “E’ più che mai urgente oggi, a fronte di un fondamentalismo crescente che il Kristapurana sia utilizzato come guida per fronteggiare le sfide nella chiesa e nella società; è urgente e importante costruire ponti e dialogo a ogni livello, mentre il fanatismo religioso e il nazionalismo religioso crescono, e ci sono conflitti in nome della religione. Un aspetto affascinante del Kristapurana è il tentativo di realizzare un incontro indù-cristiani; il suo metodo di comunicazione efficace, e il processo di indianizzazione, adattamento e inculturazione”

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Avvistata in un porto somalo la petroliera saudita dirottata
18/11/2008
Sacerdote indù: Madre Teresa un esempio di amore per tutti noi
25/08/2010
Bhisham, il giovane Sindh battezzato la notte di Pasqua
08/04/2010
Un Dvd racconta la missione del beato p. Clemente Vismara
24/06/2011