17/05/2005, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

India: arrestati perché distribuivano Bibbie

Bhubaneshwar (AsiaNews/Agenzie) – La pubblica sicurezza dell'Orissa – stato del nordest indiano - ha arrestato il 13 maggio scorso 4 persone mentre distribuivano copie della Bibbia alla popolazione di Rajnagar Block.

L'arresto deriva dalla tensione religiosa dovuta alle accuse della presunta "conversione" al cristianesimo di 300 famiglie indù della zona. Il Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss) – braccio armato del Bharatiya Janata Party (Bjp), partito indù del governo locale – aveva minacciato di lanciare una campagna di agitazioni se "la polizia non agisce subito contro queste persone, che violano l'Atto di libertà religiosa dell'Orissa".

Secondo Sistikantha Kanungo, rappresentante dell'Ufficio di pubblica sicurezza dell'Orissa, "l'area è tesa, e in questa situazione una distribuzione pubblica di Bibbie può solo gettare benzina sul fuoco". "Questo – spiega – è il motivo per cui abbiamo arrestato 4 giovani uomini e li teniamo in galera".

I detenuti sono Ashok Namalpuri (28 anni) di Chalakamba – nel distretto di Nayagarh - Gorachand Pal (22 anni) di Gaeba – nel distretto di Gajapati - e Siddheswar Nayak (29 anni) e Bimal Wilson (22 anni) di Koraput. I 4 erano arrivati nel Rajnagar in gennaio e immediatamente accusati di proselitismo e di "tentata influenza" sui giovani della zona. I sospetti della polizia si basano sul fatto che i 4 "hanno lavorato per 5 mesi in modo gratuito come insegnanti in 2 scuole elementari della zona".

Hemant Sharma, di Kendrapara, ha ordinato l'apertura di un'inchiesta sulla presunta conversione delle 300 famiglie; il sovrintendente di polizia ha detto che emetterà un rapporto entro 7 giorni.

L'Atto per la libertà religiosa dell'Orissa rende indispensabile la comunicazione e l'autorizzazione dell'amministrazione distrettuale prima di poter abbracciare una nuova religione.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
India, estremisti indù attaccano raduno cristiano
27/06/2005
Varanasi, fondamentalisti indù "preoccupati dalle conversioni in aumento"
17/10/2006
Nazionalisti indù: lo stato combatta "il terrorismo" dell'evangelizzazione cristiana
01/03/2006
Indù accusano: aiuti dello tsunami in cambio di conversioni. I cattolici: tutto falso
18/02/2005
In piazza 50mila fondamentalisti indù a favore dell’intolleranza religiosa
15/11/2008