26/06/2020, 15.09
INDONESIA
Invia ad un amico

I buoni rapporti del vescovo Sunarka con studiosi musulmani

di Mathias Hariyadi

Il vescovo è morto oggi a Saint Elisabeth Semarang. E’ relativamente sconosciuto che ha anche trovato il modo di trovare fonti finanziarie da donatori stranieri per aiutare uno studioso musulmano a conseguire un diploma post-laurea. Non solo negli studi islamici ma anche in altre scienze sociali.

Jakarta (AsiaNews) - Non c'è bisogno di diventare uno specialista in studi islamici per coltivare buoni rapporti con le comunità musulmane nella diocesi di Purwokerto a Giava Centrale.

Il vescovo Julianus Sunarka SJ ha preso un suo atteggiamento personale per avviare il suo desiderio di avere un buon rapporto con i musulmani nella sua diocesi di Purwokerto durante il suo mandato di vescovo (2000-2016).

Ha dimostrato simpatia e compassione per i musulmani

In ogni occasione in cui i musulmani locali hanno dato vita a eventi o altro, è stato felice di presentarsi e di essere lì per mostrare il suo forte impegno a coltivare buoni rapporti con loro.

Questo è ciò che Indro Suprobo, un appassionato scrittore di Yogyakarta, sposato con una donna musulmana locale di Purwokerto, ricorda sempre del vescovo Sunarka. Non ha mai esitato a pregare con i loro amici musulmani o addirittura è entrato in una moschea locale per pregare per una donna defunta. “Sorpreso, qualcuno si chiedeva come mai un vescovo cattolico avrebbe il coraggio di pregare con noi all'interno della moschea per la donna deceduta", scrive Suprobo, ricordando un momento straordinario che ha visto personalmente nel 2013.

La defunta era una parente stretta di un pesantren locale (un collegio educativo per bambini e adolescenti sotto la guida di un capo carismatico). E mostrando la sua vicinanza e compassione, il vescovo Sunarka ha reso omaggio e considerazione  alla famiglia della defunta.

Ma questo non è l'unico atto che il vescovo Sunarka ha compiuto per la sua appassionata volontà di coltivare buoni rapporti con i musulmani locali.

E’ relativamente sconosciuto alla maggior parte dei cattolici locali che ha anche trovato il modo di trovare fonti finanziarie da donatori stranieri per aiutare uno studioso musulmano locale a Purwokerto a conseguire un diploma post-laurea. Non solo negli studi islamici ma anche in altre scienze sociali. Questo è successo  nel 2008 a Purwokerto a Ulul Huda MA, un giovane religioso musulmano.

“Il vescovo Sunarka SJ era davvero un leader cattolico carismatico con una forte passione per intrattenere buoni rapporti con la comunità musulmana. Era anche il mio genitore adottivo ”, ricorda Ulul Huda ad AsiaNews.

Nel 2008, la madre di Huda era gravemente malata e il vescovo Sunarka fornì fondi per prendersi cura della madre defunta. "Non appena morì mia madre, il vescovo Sunarka mi ha fornito i fondi per motivarmi a ottenere il programma di studi post laurea presso l'Unsoed University di Purwokerto. Quando finalmente ho conseguito il master, mi ha detto di ottenere il dottorato in Francia. Ma potrei andare all'estero perché avevo anche un bambino con noi". E una settimana fa, ha detto ancora, il vescovo Sunarka lo ha contattato per conoscere le sue attuali questioni familiari.

Parlando da Purwokerto il dott. Kiai Hajj Moh. Roqib MA, eminente figura musulmana e leader di un pesantren locale, ha affermato che il suo rapporto personale con Bishop quasi come "fastidioso". "Faceva spesso visite estemporanee a casa mia e spesso ha anche fatto visita di cortesia alla casa residenziale", afferma questo preside  dello State’s Institute of Islamic Religion di Purwokerto, attuale responsabile del Banyumas Interfaith Forum.

Nel 2010 il vescovo lo ha aiutato a fondare il suo Mahasiswa An Najah Pesantren, sempre a Purwokerto.

“Per me, i suoi gesti eccezionali erano sempre autentici, alimentavano l'amicizia con chiunque. Non solo conosceva le Sacre Scritture, ma ha praticato il messaggio centrale della Bibbia nel modo in cui parlava, si muoveva e si comportava. Per noi, questo tipo di modello nella Chiesa cattolica è molto speciale. Poteva trattare tutti con grande rispetto e amore senza gesti preferenziali basati sull'etnia o sulla religione. È stato davvero un ottimo vescovo cattolico”.

Questo tipo di comportamento è stato indicato dal vescovo Sunarka ai suoi seminaristi. Ordinò di conseguire il diploma post laurea prima di essere ordinati sacerdoti.

Promuovere gli studi di sacerdoti e seminaristi

Padre Handi Setyanto è un sacerdote diocesano della diocesi di Purwokerto. Ha un buon talento nello spettacolo di marionette. E il vescovo Sunarka gli chiese di proseguire i suoi studi post-laurea alla Gadjah Mada University (UGM) di Yogyakarta per approfondire cose legate alle culture giavanese e indonesiana. Al momento, p. Setyanto è il "dalang" (il maestro dei burattini) più importante del Paese e utilizza la storia e le figure bibliche per svolgere la catechesi.

Il vescovo Julianus Sunarka SJ è morto oggi a Saint Elisabeth Semarang. Il suo funerale si terrà domani con partecipanti contingentati al St. Stanislaus Kostka College.

Nel 2016 ha ufficialmente rassegnato le dimissioni da Purwokerto per gravi problemi di salute e anche per l'età pensionabile obbligatoria.

Era gravemente malato da quando partecipando a un evento di un'intera settimana della Indonesia Catholic Church Convention (SAGKI) 2015, fu sottoposto a ricovero forzato per quasi nove mesi nell'ospedale St. Carolus di Jakarta.

Prima di essere vescovo di Purwokerto, mons. Sunarka SJ è stato a lungo tesoriere nell'arcidiocesi di Semarang, rettore al St. Paul’s Major Seminary di Yogyakarta, tesoriere nel KWI e in precedenza segretario esecutivo della commissione socio-economica.

La sua capacità pratica di gestire le questioni finanziarie è stata meravigliosa, il che ha portato buone opportunità alla diocesi di Purwokerto di essere messa  finanziariamente in sicurezza udurante il suo mandato.

Ma il vescovo Sunarka non è stato solo un prete e un vescovo. È stato anche una persona di talento, in grado di trovare fonti d'acqua sotto la superficie della terra. Le persone di alto profilo dell’Indonesia lo hanno sempre contattato per trovare un buon posto per trovare fonti d'acqua in hotel o grandi compound.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vaticano all'Islam: "continuiamo sulla via del dialogo"
14/10/2005
Card. Tauran a Riyadh: per il dialogo interreligioso servono ‘educazione’ e atti ‘concreti’
26/04/2018 11:35
Messaggio del Vaticano per la festa del Buddha (Vesakh): insieme sulla via della non violenza
22/04/2017 12:44
Jakarta, Segretario del Dialogo interreligioso: La paura, nemico peggiore per il dialogo islamo-cristiano
01/07/2014
Un simposio in onore di p. Samir Khalil: la sapienza e l'umiltà
28/05/2018 12:31