22/08/2014, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Filippine, riaperte 30 chiese e cappelle nelle zone colpite dal tifone Yolanda

La Caritas Manila ha ricostruito i luoghi di culto. La popolazione è "felice ed emozionata nel rivedere, dopo tanti mesi, le loro chiese di nuovo in piedi".

Manila (AsiaNews/Cbcp) - Tornano in funzione più di 30 luoghi di culto cattolici, che erano stati distrutti dal tifone Yolanda. Si tratta di parrocchie e cappelle di Samar e Leyte, le isole più colpite dal cataclisma. "La popolazione - afferma p. Emerson Luego, direttore della Caritas Manila per Visayas e Mindanao - è davvero felice ed emozionata nel rivedere, dopo tanti mesi, le loro chiese di nuovo in piedi".

Ideato dalla Caritas Manila, il progetto di ricostruzione è partito all'inizio del 2014 e mirava a restituire alla comunità almeno 38 chiese e cappelle danneggiate. P. Luego afferma l'intenzione è di completare l'opera nell'arcidiocesi di Palo e nelle diocesi di Borongan e Calbayog prima del novembre di quest'anno.

I fondi arrivano dalla Bahay Pari Cooperative e dal ricavato del concerto benefico Rise! Rebuilding from the Ruins, tenuto lo scorso giugno. Dalla serata sono stati raccolti 20 milioni di pesos filippini (circa 343.500 euro). 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Continua la ricostruzione post Yolanda, dalla Chiesa filippina oltre 12 milioni di dollari per gli sfollati
25/08/2014
Caritas: costruite oltre 30mila case per le vittime del tifone Yolanda
17/11/2018 11:00
Vescovo filippino: Le calamità naturali si combattono con aiuto e solidarietà reciproca
24/06/2015
Chiesa filippina: quasi concluso il progetto residenziale per le vittime del tifone Yolanda
14/02/2015
Filippine, un anno dopo Yolanda "resta ancora moltissimo da fare"
10/11/2014