06/06/2011, 00.00
RUSSIA
Invia ad un amico

Cinque nuove diocesi per rafforzare l’autorità del Patriarca di Mosca

di Nina Achmatova
Il Sinodo approva un’ulteriore ristrutturazione del territorio canonico, ancora amministrato come durante l’Urss con parrocchie della stessa diocesi lontane anche 1000 chilometri.
Mosca (AsiaNews) – La Chiesa russo-ortodossa potenzia la sua pastorale e stabilisce la nascita di cinque nuove diocesi. La decisione è stata presa lo scorso 31 maggio, durante una sessione del Santo Sinodo, l’organismo più alto a livello amministrativo, presieduto dal Patriarca Kirill. Secondo alcuni analisti, oltre che a migliorare l’amministrazione della Chiesa a livello locale, il nuovo assetto rafforza l’autorità del Patriarca, che già l’anno scorso aveva avviato una gestione più centralizzata  dell’attività della Chiesa, anche per le missioni.

“Dobbiamo prendere importanti decisioni su come riorganizzare alcune diocesi – ha detto Kirill aprendo la sessione – dobbiamo pensare a che passi intraprendere perché la vita della Chiesa, in tutta una serie di regioni, diventi più intensa e coerente con le direttive del Consiglio dei vescovi”. La ristrutturazione del territorio canonico era già stata avviata nella precedente sessione del Sinodo a marzo, quando furono create nuove diocesi nel Caucaso del nord (Piatigorsk e Circassia, Vladikavkaz e Makhachkalinsk) regione  in precedenza sotto le diocesi di Stavropol e Vladikavkaz e quelle di Baku e Prikaspiisk. Le ultime diocesi create sono: Narva (che diventa la seconda diocesi della Chiesa ortodossa estone); Krasnoslobodsk e Ardatov; quella di Khanty-Mansiisk e Surgut; Salekhard e Novo-Urengoisk e infine quella di Eniseisk e Norilsk.

“In Grecia c’è un vescovo in ogni città, mentre noi abbiamo ancora la struttura dell’epoca sovietica, per cui in una diocesi rientrano città distanti tra loro anche 1000 chilometri e i parrocchiani non conoscono neppure chi è il loro vescovo”, ha spiegato al quotidiano Kommersant il direttore dell’ufficio stampa del Patriarcato di Mosca, Vladimir Vigilianskii. “Ridurre la dimensione delle diocesi – ha aggiunto – aiuterà a gestirle meglio”. Secondo il direttore dell’Istituto di religione e legge, Roman Lunkin, “la riforma dell’amministrazione della Chiesa rafforzerà l’autorità personale del Patriarca nelle province, anche perché i nuovi vescovi sono persone a lui grate”.

La Chiesa russo-ortodossa conta 164 diocesi, 217 vescovi, 30.675 parrocchie, 29.324 sacerdoti e 3.850 diaconi. I monasteri sono 805, di cui 398 maschili e 407 femminili. L’anno scorso Kirill ha anche preso il controllo personale del Dipartimento missioni nell’ufficio centrale del Patriarcato, ordinandone l’ampliamento. Allora qualcuno aveva ipotizzato l’applicazione in campo religioso della ‘verticale del potere’ elaborata per la gestione dello Stato da Vladimir Putin nel suo primo mandato da presidente.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: "Prego per la liberazione di mons. Ibrahim e mons. Boulos al-Yaziji"
23/04/2013
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Vescovo di Mosca: senza fede la Russia è insignificante per il mondo
28/12/2011
Nuovo nunzio incontrerà a breve i vertici del Patriarcato di Mosca
11/05/2011
Patriarcato di Mosca: la “triade” dei valori ortodossi del XXI secolo
14/03/2011