21/04/2009, 00.00
TURCHIA
Invia ad un amico

Bartolomeo: la Risurrezione unica risposta alla disperazione dell’uomo di oggi

di NAT da Polis
Contro i filosofi della “morte di Dio”, il Patriarca ecumenico sottolinea che anche per la Chiesa Dio è morto, sul Golgota, ma è risorto, è “un morto che è a capo della vita”: in lui, l’uomo di oggi, tradito dai suoi idoli, può trovare consolazione e salvezza.
Istambul (AsiaNews) – Sulla vittoria della vita sulla morte e la speranza che fa nascere la risurrezione del Dio Uomo negli uomini, è impostato il messaggio pasquale del Patriarca ecumenico Bartolomeo, che vuole anche essere una risposta a coloro che, come i pensatori Nietsche e Sartre, e i loro seguaci, annunciano  la morte di Dio.
 
Queste dichiarazioni dei filosofi atei, rileva Bartolomeo, hanno sicuramente turbato le coscienze degli uomini. Ne è derivata una grande confusione nel campo dello spirito e della letteratura, dell’arte e pure di una certa teologia e, specialmente in Occidente, si è iniziato a dar voce anche a una “Teologia della morte di Dio”.
 
La Chiesa naturalmente, sottolinea il Patriarca, non ha mai avuto e non ha alcun dubbio che Dio sia morto. Questo è avvenuto nel 33 d.C., sul monte Golgota, a Gerusalemme, durante  Ponzio Pilato, il governatore romano della Giudea. Dopo aver sofferto una Passione inaudita, è stato crocifisso come un malfattore e, verso l’ora nona del Venerdì, disse “E’ compiuto!” e rese lo spirito. Fin qui concordiamo con i filosofi. Accetteremmo anche che la chiese, i templi, siano dette “le tombe”, “i sepolcri” di Dio!.
 
Tuttavia, continua Bartolomeo, noi conosciamo, viviamo e adoriamo il Dio vivente, come “un morto che è a capo della vita che dopo la tremenda passione sofferta è risorto. E questa, la Risurrezione, è allo stesso modo una realtà storica innegabile che ha delle conseguenze benefiche su tutti noi per tutti noi. E’ risorto il Figlio di Dio, il Quale è allo stesso tempo anche Figlio dell’Uomo! E’ risorto Dio, con tutto il bagaglio dell’umanità: il Corpo che ha preso dalla natura immacolata della Santissima Madre di Dio, e la Sua Santa Anima. E’ risorto dai morti, “ha rigenerato Adamo risorgendo come Amico degli uomini”.E con Lui è  risorto il vero sole della giustizia.
Dobbiamo essere grati, conclude il Patriarca Ecumenico, che Dio è morto, perché  la Sua morte è  divenuta la nostra vita e risurrezione! Per fortuna, quindi, esistono tanti “sepolcri” nel mondo, tanti santi templi, dove può entrare liberamente colui che è addolorato, per liberarsi dalla propria  morte. Per fortuna che esistono le chiese del Cristo Crocifisso, Morto, Risorto ed eternamente Vivente, in quanto  l’uomo di oggi che vive nella disperazione, perché tradito da tutti i suoi idoli, da tutti i “deùcci”dalle  idee fallaci, che gli  hanno rubato il cuore, cioè l’economia, l’ideologia, la filosofia, la metafisica di questo tempo, trova rifugio, consolazione e salvezza.
 
Dalla sede del Patriarcato Ecumenico di Costantinpoli, dove la Chiesa Madre nel suo essere la Passione, il Dolore, la Croce e la Morte e allo stesso tempo anche la Risurrezione del Dio-Uomo, si esclama: Cristo è veramente risorto.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Patriarca Bartolomeo, Pasqua, la morte è stata definitivamente vinta
07/04/2007
Costantinopoli per l’indipendenza della Chiesa ortodossa ucraina. L’ira di Mosca
08/09/2018 12:46
Bartolomeo e Kirill cercano un compromesso sull’autocefalia ucraina
05/09/2018 08:30
Bartolomeo e Kirill, dialogo verso la soluzione ucraina
01/09/2018 09:01
Bartolomeo I: Fermare gli incendi in Amazzonia e nel mondo
27/08/2019 14:43