28/10/2015, 00.00
AFGHANISTAN – PAKISTAN
Invia ad un amico

Anche i talebani in soccorso ai terremotati. Si innalza il bilancio delle vittime

di Kamran Chaudhry
La zona di Badakhshan è sotto il controllo delle milizie e gli aiuti tardano a causa della sicurezza e delle momtagne. In totale, nei due Paesi i morti sono arrivati a 360. Funerali collettivi e sepoltura nelle fosse comuni. La Caritas Pakistan nella zona più colpita. Due chiese a Peshawar hanno subito danni.

Peshawar (AsiaNews) – Il movimento dei talebani ha diramato un comunicato in cui chiede alle organizzazioni umanitarie di aiutare le vittime del terremoto che ha colpito la regione nord dell’Afghanistan, in buona parte sotto il loro controllo, e ha ordinato ai suoi miliziani di portare il loro “aiuto incondizionato” alle vittime e ai soccorsi.

Il sisma di magnitudo 7.6 della scala Richter ha colpito la regione al confine fra Afghanistan e Pakistan. In Afghanistan l’epicentro è nella provincia del Badakhshan (Nord-Est), in buona parte sotto il controllo dei talebani. Le operazioni di soccorso sono rallentate a causa della mancanza di sicurezza e del carattere montagnoso della zona. Il bilancio dei morti in quest’area è salito a 115 morti, centinaia di feriti e almeno 7mila case distrutte.

In Pakistan il bilancio è ancora più alto, con 245 morti, più di 1600 feriti e oltre 4mila abitazioni distrutte.

L’area più colpita è quella della Swat Valley e le zone vicino a Dir, Malakand e Shangla. Sebbene gli aiuti stanno arrivando per le migliaia di persone che vivono da due giorni all’aperto, con temperature ormai invernali, i media pakistani avvertono che vi sono almeno 5mila villaggi nella zona impervia della valle di Kalash dove gli aiuti non riescono ad arrivare.

Mentre le montagne attorno alle aree colpite sono già innevate, la gente ha organizzato funerali collettivi e fosse comuni per seppellire le vittime.

La Caritas Pakistan è già all’opera a Lahore, Rawalpindi e Peshawar per incontrare gli sfollati e i feriti che arrivano negli ospedali. Un gruppo è partito per la zona più colpita, quella della provincia di Khyber Pakhtunkhwa per stilare un piano di azione.

Per ora si sa di due chiese, la St Michael's e la St. John Vianney's a Peshawar, che hanno subito danni a causa del terremoto.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Altri milioni di sfollati nel Sindh. L’esercito conferma l’uccisione dei volontari
28/08/2010
Quasi 500 morti per le piogge monsoniche nel nord Pakistan
31/07/2010
Pakistan, bomba contro una scuola femminile nel Khyber district
17/11/2009
Il Pakistan annuncia una “offensiva decisiva” contro i talebani
15/06/2009
Swat: i cattolici pregano per la pace, il Paese affronta un esodo biblico
15/05/2009