13/07/2020, 11.30
MYANMAR
Invia ad un amico

​Myanmar: leader religiosi, elezioni ‘opportunità da cogliere’ per pace e convivenza

Appello di “Religion for Peace” firmato dai leader di tutte le religioni presenti nel Paese. “Per costruire una nazione non dobbiamo avere paura della differenze, ma piuttosto imparare a negoziare, scendere a compromessi, dialogare e rallegrarci di ciò che siamo”.

Yangoon (AsiaNews) – Si intitola “Seize this opportunity!”, “Cogli questa opportunità!” l’appello lanciato da “Religion for Peace” a tutte le realtà sociali, politiche e religiose del Myanmar in vista delle elezioni politiche in programma nel novembre prossimo, viste come una occasione per superare la “triplice crisi” – sanitaria, ambientale e sociale – che sta colpendo il Paese.

L’appello è firmato dai vescovi cattolici e da leader buddisti, musulmani, induisti.

 

Cogli questa opportunità

Un messaggio indirizzato a

Gruppi civili, etnici, armati, partiti politici e capi religiosi del Myanmar

Siamo stanchi della guerra, logorati dalle inimicizie. La guerra disonora tutti. Perché i conflitti del Myanmar non finiscono mai? Dov'è la responsabilità? Naturalmente si può accusare la bellicosità del Tatmadaw (l’esercito, n.d.r.), e anche la sua ostinazione nel rifiutare un completo cessate il fuoco per consentire alla nazione di far fronte alla pandemia. Si può deplorare la debolezza dell’autorità civile o la mancanza di un giusto processo nel sistema giudiziario. Si possono accusare di tirarsi indietro leader etnici e complici che traggono troppo profitto dal commercio di giada o di droga. Si potrebbe deplorare che noi leader religiosi siamo troppo timidi nel protestare contro l'ingiustizia.

Ma con questo messaggio, in previsione di importanti elezioni nazionali e della 21st Century Panglong Conference, facciamo appello direttamente a tutti i leader del Myanmar e ai nostri compagni religiosi affinché ascoltino con rispetto l'uno dell'altro e decidano di cercare il bene comune.

Un'opportunità d'oro ci è data ora nelle nuove condizioni e nuove sfide nel nostro mondo. Invitiamo tutti a cogliere questo momento. Il Myanmar è coinvolto in una triplice crisi globale. Un piccolo virus ha fermato l'umanità. La natura è ferma. Il coronavirus ci dà la possibilità di intraprendere nuove strade.

In secondo luogo, le minacce ambientali mettono tutto a rischio. Il Myanmar è uno dei cinque Paesi più colpiti dai cambiamenti climatici di questo secolo.

Terzo, un incendio globale rivela quanto siano importanti le relazioni razziali. Nonostante la bellezza della diversità, le persone del Myanmar si aggrappano alla follia di assumere una classifica delle differenze etniche.

Cosa possiamo fare di diverso invece di tornare a divisioni insensate? Quale futuro vogliamo per i nostri giovani? Per decenni non hanno avuto opportunità in patria e così sono andati all'estero a milioni, per lavorare come schiavi. Come possiamo promettere un futuro migliore e dare salute, vantaggi e dignità alla nostra gente? Con quale coraggio e creatività possiamo rivendicare il nostro diritto al rispetto, all'uguaglianza, alla prosperità sostenibile e alla pace duratura per il Myanmar?

Il Myanmar è circondato da molti vicini. Vedono le ricchezze del nostro Paese, il nostro oro, teak e giada, i nostri generosi fiumi e foreste incontaminate. Quando combattiamo l'un l'altro, ci distruggiamo, la nostra terra è devastata, i nostri giovani vengono distrutti da droghe che creano dipendenza e migliaia di giovani donne e uomini lasciano il loro Paese solo per perdere la loro dignità e la loro vita. Ancora una volta la scorsa settimana centinaia di giovani minatori di giada sono stati sepolti in tombe fangose, mentre gli stranieri se ne vanno con la nostra ricchezza. Quando combattiamo mettiamo i nostri giovani contro i loro fratelli. Le loro vite e i loro corpi sono spezzati, le madri piangono e le giovani mogli diventano vedove. È tempo di smettere.

La strategia dei colonizzatori era di dividere e governare. Non lasciamoci ingannare di nuovo. Per costruire una nazione non dobbiamo avere paura della differenze, ma piuttosto imparare a negoziare, scendere a compromessi, dialogare e rallegrarci di ciò che siamo. Quando eleggiamo un governo civile, non stiamo scegliendo chi ha autorità nella nostra nazione? La democrazia non è il nostro obiettivo nelle elezioni?

Gli accordi di pace che firmiamo sono fragili. Potrebbero mettere in pausa i combattimenti, ma le foreste sono ancora saccheggiate. Ricchezze preziose vengono ancora prese dal nostro suolo e rubate alle generazioni future. Vai a fondo nelle tue trattative! Non proteggiamo i diritti dei nostri poveri quando ci comportiamo come gli aggressori. Trattare con i ladri è andare verso la morte. Ti preghiamo, scegli il percorso in salita del ‘nuovo’, non il percorso in discesa del ‘sicuro’. Affronta i tuoi nemici con la verità. Lavora per convincerli che la pace è anche nel loro interesse. Investi nella speranza. Preparati per il mondo futuro dopo la pandemia. Ascolta le grida di Madre Terra. Rispettatevi l'un l'altro. Incoraggia i nostri giovani a studiare. L'Asia e il mondo avranno bisogno del contributo del Myanmar per le generazioni future. Le nostre culture sono tesori, costruite nel corso dei secoli. Le foreste del Myanmar sono i polmoni dell'Asia. I nostri indigeni sanno come conservarli. Le risaie del Myanmar sono la ciotola di riso dell'Asia. I nostri agricoltori meritano una giusta ricompensa. I giovani del Myanmar sono i responsabili della pace dell'ASEAN di domani. Preparali bene.

I buddisti, i cristiani e i musulmani del Myanmar, con i leader etnici e di comunità, possono vivere il messaggio che il mondo desidera ardentemente ascoltare. Quando smaschereremo la menzogna, ci presteremo attenzione l’un l’altro e guarderemo insieme verso il futuro, promuoveremo un mondo pacifico, giusto e inclusivo. Quindi il Myanmar sarà un orgoglioso membro della famiglia delle nazioni.

Il popolo del Myanmar merita la pace, non una guerra senza fine. Non può esserci pace senza giustizia. Non può esserci giustizia senza verità. Facciamo nascere un nuovo Myanmar di speranza, pace e prosperità mentre marciamo verso l'obiettivo della democrazia attraverso le elezioni.

Seize this opportunity!

Venerable Dr. K. Dhammasami  (Oxford Sayadaw) Association of Theravada Buddhist Universities, Fellow, OCBS & Buddhist Chaplain, Oxford University, UK / His Eminence Cardinal Charles Bo Archbishop of Yangon. President Federation of Asian Bishops Conference, Patron of RfP- Myanmar, Co-President of RfP- International / Venerable Maha Thaddamma Zawtika Zay Baddanda Ponnya Nanda Thiri Mingalar Mansu Shan Monastery, Lashio, Northern Shan State. / Venerable Sayadaw Bandanta Sandawara Venerable Sayadaw for State Sangha Wunsaung, Pyin Phyu Maw Monastery, Kyaukphyu, Rakhine State / Bhai Prem Singh Khaisa President of Sikhs Temple, Myitkyina, Kachin State / Venerable Sayadaw Sandawara Bhiwunsa Venerable Sayadaw for State Sangha Wunsaung, Khin Oo Kyaung, Khemarthiwun Monastery, Myitkyina, Kachin State / Venerable Ariya Wun Tha Bhiwunsa (Myawaddy Sayadaw) Myawaddy King Monastery, Mandalay / Venerable Badata Seindita (Asia Light Sayadaw) Asia Light Monastery, Pyin Oo Lwin / H.E Bishop Felix Lian Khen Thang President, Catholic Bishop Conference of Myanmar (CBCM), Bishop of Kalay Diocese / Al Haj Kalifah U Aye Lwin / Chief Convener of the Islamic Center of Myanmar; Member of Kofi Annan led Rakhine Advisory Commission; Core Group Member of RfP- Myanmar / H.E Bishop John Hsane Hgyi Vice President, CBCM Bishop of Pathein Diocese / Mr. Kyaw Thu Advisor, All Myanmar Hindu Central Council / H.E Bishop John Saw Yaw Han General Secretary, CBCM Auxiliary Bishop of Yangon Archdiocese / H.E Archbishop Basilio Athai Member, CBCM
Archbishop of Taunggyi Archdiocese / Venerable Wizaya (Washaung Sayadaw) Washaung Monastery, Washaung village, Waimaw Township, Kachin State / Venerable Naryaka (Faundaw Oo Sayadaw) Faundaw Oo Monastery, Mandalay / Venerable Withuda (Uzin Ping) Ratana Oo Monastery, Meiktila / Venerable Indawunsa Dandar Myay Home-Age Dama Yeikthar, Kyaukphyu, Rakhine State / Venerable Thu Dama Sarya Thuwanabawdi Shwe Nyaungpin Monastery, Myitkyina, Kachin State / Venerable Mandalar Lankara Dhattaw Monastery, Mandalay / Mufti U Thaung Myint Kyune Pin Thar Mosque Kyune Pin Thar Quarter, Myitkyina, Kachin State / Rev. Mahn Palmerston General Secretary, Myanmar Council of Churches; Core Group Member, RfP-Myanmar / H.E Archbishop Marco Tin Win Member, CBCM Archbishop of Mandalay Archdiocese / H.E Bishop Alexander Pyone Cho Member, CBCM Bishop of Pyay Diocese / H.E Bishop Raymond Saw Po Ray Member, CBCM Bishop of Mawlamyine Diocese / H.E Bishop Justin Saw Min Thide Member, CBCM Bishop of Hpa-An Diocese / H.E Bishop Francis Daw Tang Member, CBCM Bishop of Myitkyina Diocese / Msgr. Peter Anwe Diocese of Kengtung / H.E Bishop Raymond Sumlut Gam Member, CBCM Bishop of Bhamo Diocese / H.E Bishop Philip Lasap Za Hawng Member, CBCM Bishop of Lashio Diocese / Dr. Hla Tun Coordinator, Hindu Sanatan Dharma Swayamsevak Sangh (H.Q);
Core Group Member, RfP-Myanmar / H.E Archbishop Nicholas Mang Thang Member, CBCM Archbishop of Mandalay Archdiocese / H.E Archbishop Paul Zinghtung Grawng Member, CBCM Archbishop of Mandalay Archdiocese / H.E Archbishop Matthias U Shwe Member, CBCM
Archbishop of Taunggyi Archdiocese / U Myint Swe President RfP-Myanmar / Daw Yin Yin Maw Secretary General, RfP-Myanmar; Chairwoman, Women of Faith Network (WoFN) of RfP-Myanmar / Patrick Aung Tu Program Manager RfP-Myanmar / H.E Bishop Lucius Hre Kung Member, CBCM Bishop of Hakha Diocese / H.E Bishop Lucas Jeimphaung Dau Ze Member, CBCM
Auxiliary Bishop of Lashio Diocese / H.E Bishop Stephen Tjephe Member, CBCM Bishop of Loikaw Diocese / H.E Bishop Peter Hla Member, CBCM
Bishop of Pekhon Diocese  / H.E Bishop Issac Danu Member, CBCM
Bishop of Taungngu Diocese / Rev. Fr. George Shwe Htun Core Group Member RfP-Myanmar / Women of Faith Network (WoFN) Members
Religions for Peace-Myanmar / Interfaith Youth Network (IYN) Members
Religions for Peace-Myanmar.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rakhine, il card. Bo: ‘Con la giustizia, la pace è possibile’
27/09/2017 11:50
Rakhine, Yangon: ‘Mosca e Pechino per bloccare la risoluzione Onu’
07/09/2017 12:11
Rakhine, nuove prove del ‘macabro’ massacro compiuto dai Rohingya
23/05/2018 10:43
Msf: uccisi 6,700 Rohingya. Buddista del Rakhine: ‘Un’indignazione di parte’
14/12/2017 12:26
Il Myanmar all’Assemblea dell’Onu: ‘Nessuna pulizia etnica o genocidio in Rakhine’
26/09/2017 08:56