Aree geografiche
In primo piano
di Mathias Hariyadi | INDONESIA

Richiesta una condanna a 18 mesi sulla base di una fatwa. Nel luglio del 2016, le dichiarazioni della donna hanno innescato uno dei peggiori episodi di violenza settaria contro la comunità buddista di etnia cinese. Gli attivisti per i diritti umani chiedono la revoca o la modifica della normativa sulla “diffamazione religiosa”.

News
di Mathias Hariyadi

Il candidato vice presidente sarà Kiwi Hajj Ma'ruf Amin, capo del Consiglio degli ulema indonesiano. La scelta del capo dei religiosi musulmani moderati per arginare gli estremisti islamici. I commentatori affermano che “Jokowi” teme soprattutto le campagne sui social dei radicali islamici.

| 10/08/2018
| INDONESIA

Continua a tremare l’isola indonesiana. Il numero di morti, secondo le fonti militari sul luogo, è salito a 381: 165mila gli sfollati. Mancano strutture sanitarie adeguate dove ricoverare i feriti, cibo e medicine. Il portavoce dell’Agenzia nazionale per le calamità fa appello alla comunità internazionale.

| 09/08/2018
| INDONESIA
di Mathias Hariyadi

Le suore di Notre Dame si preparano alla comunicazione sul web. L’idea è della superiora  sr. Monika Ekowati, che è anche scrittrice: “C’è urgenza di comprendere la logica dei social media e avere esperienza personale nell’uso degli strumenti moderni”.

| 08/08/2018
| INDONESIA

All’udienza generale, papa Francesco prosegue nella catechesi sull’idolatria: “La natura umana, per sfuggire alla precarietà, cerca una religione ‘fai-da-te’”.  Il vitello d’oro “è simbolo di ricchezza… successo, potere e denaro… le tentazioni di sempre”. “La nostra guarigione viene da Colui che si è fatto povero, che ha accolto il fallimento”. “In Cristo la nostra fragilità non è più una maledizione, ma luogo di incontro con il Padre”. Il ricordo di santa Teresa Benedetta della Croce, Edith Stein, patrona d’Europa.

| 08/08/2018
| VATICANO
di Matthias Hariyadi

In un messaggio papa Francesco esprime la propria vicinanza alle vittime del terremoto. Il bilancio è di 98 morti e centinaia di feriti. Colpita la parrocchia di S. Maria Immacolata, a Mataram. Si continua a scavare tra le macerie. Almeno 20mila persone non hanno una casa. È iniziata l’evacuazione di 700 persone, molti turisti, bloccate nelle ‘Gili’, piccolo isolette attorno a Lombok.

| 07/08/2018
| INDONESIA
di Mathias Hariyadi

Il numero delle vittime è destinato a salire nelle prossime ore. La capitale dell’isola di Lombok, Mataram, è la zona più colpita. Diramata l’allerta tsunami sulla costa settentrionale. La maggior parte delle persone è morta in seguito ai crolli.

| 06/08/2018
| INDONESIA
In evidenza
 
di Shan Ren Shen Fu (山人神父)

Cancellate dalla facciata di una chiesa la croce e la scritta “Chiesa cattolica”. Il divieto di tenere centri estivi di catechismo per i giovani. Intanto scoppia lo scandalo dei vaccini, segno che nella società cinese vi è carenza di valori morali. Vaccinare i giovani nello spirito, far scoprire loro la fede, aiuterebbe la società cinese. Le considerazioni di un sacerdote blogger.

| 06/08/2018
| CINA
 
di Lawrence Jangma Gam

I soldati hanno catturato un veicolo destinato al trasporto di medicinali e sequestrato il personale medico. Dopo giorni di violenze e torture, le donne sono state uccise e gettate in una fossa comune. L’esercito regolare si difende: “Uccise in azione e sepolte in maniera rispettosa”. La Lega delle donne birmane: “Menzogne, avete violato la Convenzione di Ginevra”.

| 03/08/2018
| MYANMAR
 
di Choi Pio Sang Soon

La Corea del Sud verso un futuro a crescita bassa (o assente). Il Paese rischia di scendere a un tasso di fecondità inferiore ad un figlio per donna. L’impatto economico: chiudono cliniche, le aziende produttrici di latte in polvere crollano. Le difficoltà dei giovani e le disparità societarie. Le riforme del governo Moon e l’impegno della Chiesa. Parla il direttore del centro diocesano di Daejeon per la famiglia.

| 02/08/2018
| COREA DEL SUD
 

L’urgenza di una separazione fra politica e religione nell’islam. I casi di Egitto e Siria. La guerra in Iraq (e in Siria) è anzitutto una guerra intra-islamica. I Paesi europei devono spingere i Paesi islamici ad attuare l'uguaglianza tra tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro religione, e l'uguaglianza assoluta tra uomini e donne. Un’intervista al grande islamologo gesuita p. Samir Khalil Samir.

| 01/08/2018
| ISLAM
Henan: Chiese demolite, tombe divelte, asili chiusi
Raduno nazionale dei Giovani missionari a Pontianak – Messa conclusiva
Pakistan, un pastore protestante denuncia il clima di insicurezza tra i cristiani
Cerca nell'archivio di AsiaNews