22/04/2020, 08.54
MEDIO ORIENTE - ONU
Invia ad un amico

Una carestia di ‘proporzioni bibliche’ causata dal Covid-19

È l’allarme lanciato dagli esperti del World Food Programme. A rischio nazioni già colpite da guerra, crisi economiche e cambiamenti climatici come Siria e Yemen. Fino a 250 milioni di persone a rischio fame; in pochi mesi 30 milioni nel mondo potrebbero morire se non saranno assicurati scorte e finanziamenti. 

Beirut (AsiaNews/Agenzie) - La popolazione mondiale rischia una carestia di “proporzioni bibliche” a causa della pandemia di nuovo coronavirus. È l’allarme lanciato in queste ore dagli esperti del World Food Programme (Wfp), l’agenzia Onu che si occupa di assistenza alimentare, secondo cui più a rischio sono 10 nazioni al mondo martoriate da anni di guerre, crisi economiche e cambiamenti climatici; fra queste vi sono anche Siria e Yemen. 

Secondo il bilancio aggiornato della Johns Hopkins University, i casi di coronavirus al mondo hanno superato i 2,5 milioni e solo negli Stati Uniti hanno toccato quota 825mila. Le vittime globali sono circa 177mila, due terzi delle quali in Europa e il numero è destinato ad aumentare nelle prossime settimane. 

Al progredire della malattia, cui gran parte dei governi al mondo hanno risposto con chiusure delle attività commerciali, interruzioni nella produzione e divieto di spostamenti, si affianca la peggior crisi economica dalla Seconda guerra mondiale. Un quadro che preoccupa analisti ed esperti, nella prospettiva di una possibile carenza nelle scorte alimentari su scala globale. 

David Beasley, capo del Wfp, chiede al riguardo azioni urgenti per scongiurare una catastrofe. Da poco guarito anch’egli dal Covid-19, durante una video-conferenza con i membri del Consiglio di sicurezza Onu egli ha sottolineato che il mondo deve agire “in modo saggio e veloce”. 

“Non stiamo affrontando solo una pandemia sanitaria mondiale - ha aggiunto l’esperto - ma pure una catastrofe umanitaria globale”.

Nel quarto Rapporto globale sulle crisi alimentari, pubblicato in questi giorni emerge che fra le nazioni a rischio vi sono Yemen, Siria, Repubblica democratica del Congo, Afghanistan, Venezuela, Etiopia, Sud Sudan, Nigeria e Haiti. In alcune aree, come l’’Africa orientale e l’Asia del sud, anche prima della pandemia da coronavirus, la situazione era critica in tema di scorte alimentari a causa di una pesante siccità e della peggiore invasione di locuste da decenni. 

Nel documento emerge che il numero di persone che soffrono la fame potrebbe passare da 135 milioni a più di 250 milioni. Nel giro di pochi mesi fino a 30 milioni di persone, e forse anche più, potrebbero morire se non verranno assicurati finanziamenti e rafforzate le scorte alimentari. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rapporto Onu: Peggiora la fame nelle aree di guerra in Medio oriente
31/01/2018 08:44
Covid-19, riapre la Natività a Betlemme. Meno restrizioni in Iran e Arabia saudita
26/05/2020 08:53
Covid-19: dall’Egitto agli Emirati, si allentano le restrizioni per il Ramadan
24/04/2020 09:00
Ramadan al tempo del coronavirus: moschee chiuse, isolamento, carenza di cibo
16/04/2020 11:49
Coronavirus, si allarga il contagio in Medio oriente: primi casi in Siria e a Gaza
23/03/2020 08:54