06/08/2015, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Sri Lanka, ad agosto 13 battesimi di adulti: Un dono di Gesù e Maria

di Melani Manel Perera
Le testimonianze di Shanika e Sriyani, buddiste che hanno deciso di abbracciare il cattolicesimo. La suora che ha seguito i catecumeni: “Una benedizione accompagnarli nel loro cammino di fede”.

Kochchikade (AsiaNews) – È dopo aver sperimentato sulla propria pelle l’amore di Gesù e di Maria che 13 uomini e donne a Kochchikade, in Sri Lanka, hanno deciso di diventare cattolici. I catecumeni si sono preparati insieme a suor Mary Harriet, delle suore della Sacra Famiglia, e sabato primo agosto sono stati battezzati nella chiesa di St. Philip Neri, a Toppuwa. Per la religiosa, poter fare la catechista e accompagnare queste persone nel loro cammino di fede “è stata una benedizione”.

Tra i battezzati c’è Shanika Probodhani, 19 anni. Buddista di nascita, la ragazza è originaria di Pollonnaruwa. Dopo aver perso entrambi i genitori quando era ancora molto piccola, è andata a vivere insieme a sua zia (la sorella della madre) a Kochchikade, un’area abitata da molti cattolici.

“Ogni giorno – racconta ad AsiaNews – avevo la possibilità di vedere le persone pregare ed eseguire rituali cristiani. A poco a poco, ho scoperto di nutrire un interesse per questa religione”. Una curiosità che è cresciuta dopo aver conosciuto un vicino di casa, poco più grande di lei, cattolico.

“Quando mi ha confessato di essere innamorato – ricorda – e di voler passare la vita con me, sono andata a parlare con mia zia, per sapere se aveva delle obiezioni. Tuttavia, poiché lui era un bravo ragazzo, lei non ha avuto nulla da ridire, e ci ha dato la sua benedizione. Era il 2011, e ci siamo fidanzati”. Il suo promesso sposo ha 25 anni e fa l’autista per una compagnia.

Poco tempo dopo però, Shanika si ammala in modo grave. Il fidanzato si spaventa, e fa voto alla Madonna di accendere una candela alta quanto la sua amata, se quest’ultima fosse guarita. “È stato un miracolo – afferma –, perché pochi giorni dopo sono stata di nuovo bene. Anch’io ho iniziato a pregare Maria e Gesù. La mia fede è diventata sempre più profonda, mi sentivo felice quando pregavo. Quando ho espresso il desiderio di volermi sposare in Chiesa, ho capito di volermi convertire e diventare cattolica”.

La sua futura suocera l’ha accompagnata da suor Harriet, nel convento di Bambukuliya, dove ha seguito i corsi di catechismo.

Come Shanika, anche Sriyani Tennakoon, mamma 42enne di tre bambini, ha deciso di abbracciare il cattolicesimo. Nata buddista ma sposata a un cattolico, i suoi figli hanno seguito la religione del marito. “Dopo esserci sposati nel 2006 – racconta – ho iniziato anche io a pregare, a modo mio, soprattutto quando avevo bisogno di qualcosa. Accendevo candele a Gesù e Maria, e mi accorgevo che, in breve tempo, i miei desideri venivano esauditi”.

Una volta, ricorda, “ho pregato perché mio marito non riusciva a trovare lavoro. Tre giorni dopo, ha avuto un impiego. Questi piccoli miracoli hanno toccato la mia vita così profondamente, che ho deciso di diventare cattolica”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Da imprenditore a primo sacerdote del Bhutan, grazie all’incontro con Madre Teresa
04/09/2013
La festa buddista di Poson Poya all’insegna di pace e “non violenza”
19/06/2008
Studente indù convertito al cattolicesimo: Cristo ci aiuta a trovare la nostra strada
25/02/2014
Pasqua in Bangladesh, la conversione di un musulmano “per testimoniare Cristo” agli altri
29/03/2013
Libro bianco sulle religioni: Pechino difende se stessa
03/04/2018 12:15