29/10/2014, 00.00
SINGAPORE
Invia ad un amico

Singapore è "il miglior Paese al mondo" per gli affari e l’impresa

Per il nono anno consecutivo la città-Stato asiatica si piazza al primo posto della speciale classifica elaborata dalla Banca mondiale. "Business-friendly", bastano due giorni per aprire un’attività e quattro per importare container. Al terzo posto Hong Kong, quinta la Corea del Sud.

Singapore (AsiaNews/Agenzie) - Per il nono anno consecutivo, Singapore si piazza al primo posto nella classifica dei Paesi dove è più conveniente fare affari o creare un'attività imprenditoriale. È quanto emerge dalla ricerca annuale elaborata dagli esperti della Banca mondiale (Wb), con la città-Stato asiatica che precede la Nuova Zelanda e Hong Kong; fra le prime 10 nazioni vi è anche la Corea del Sud, che si piazza al quinto posto. Agli ultimi posti del rapporto intitolato "Doing Business" della Wb, che prende in esame 189 nazioni, si posizionano Eritrea, Libia, Repubblica Centrafricana e Sudan del Sud. 

La speciale classifica elaborata dagli esperti prende in esame parametri quali la tempistica necessaria per aprire (e chiedere) un'attività imprenditoriale, ottenere i permessi di costruzione e la pressione fiscale. Per la Banca mondiale "la lista è simile allo scorso anno", perché le economie dei primi 20 Paesi al mondo "hanno continuato a migliorare l'ambiente normativo per le imprese". 

L'elemento business-friendly di Singapore emerge da due dati su tutti: solo 2,5 giorni per aprire un'impresa, 31 per avere la fornitura di energia elettrica e quattro giorni - al costo di 440 dollari - per importare un container.

L'inchiesta, elaborata per la prima volta nel 2004, è stata allargata ancor più quest'anno, prendendo in esame la seconda città per importanza a livello di affari nei Paesi con più di 100 milioni di abitanti. Almeno 11 gli Stati coinvolti da questo allargamento, la maggior parte dei quali in Asia (Cina, India, Indonesia, Bangladesh e Pakistan). 

La Cina ha scalato tre posizioni, arrivando a occupare il 90mo posto mentre il Giappone ne ha perse due, risultando 29mo. Il Tajikistan è la nazione che ha compiuto i maggiori progressi, scalando il maggior numero di posizioni in classifica, pur restando confinato alla 166à posizione. 

Più piccola di New York e priva di risorse naturali, la città-Stato registra nel 2014 un Prodotto interno lordo (Pil) di 297,94 miliardi di dollari, con una crescita del 2,40%. Tuttavia la ricchezza non è distribuita in modo eguale e il boom economico ha accentuato le disparità fra cittadini, con una crescita del coefficiente Gini - la misura della diseguaglianza di una distribuzione, ndr - che si attesta a 0,48 (nel 2000 era di 0,444) in un metro di riferimento tra 0 e 1 (disuguaglianza completa). 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Un cinese è il nuovo economista capo della Banca mondiale
05/02/2008
Fra illusioni e speranze, dai miliardari asiatici nuova linfa al calcio europeo
20/05/2014
Banca mondiale: nel 2014 crescita record per il Myanmar, ma i poveri sono a rischio
07/11/2013
Banca Mondiale: nel 2011 prosegue la crescita dell’Asia, guidata dalla Cina
13/01/2011
Le dimissioni di Wolfowitz fra applausi e critiche
18/05/2007