27/11/2020, 13.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Si insedia il nuovo arcivescovo di Dhaka: Inadeguati, peccatori, ma seguiamo Gesù (VIDEO)

di Sumon Corraya

Mons. Bejoy N. D’Cruze succede al card. Patrick D’Rozario. La cerimonia di insediamento si è tenuta stamane in cattedrale. L’impegno dei laici nel guidare la diocesi e nel dialogo interreligioso.

Dhaka (AsiaNews) – Con una solenne cerimonia tenuta stamane nella cattedrale di St Mary’s a Ramna (Dhaka), il nuovo arcivescovo della città, mons. Bejoy N. D’Cruze ha preso possesso della sede. Al raduno hanno preso parte i cinque vescovi cattolici del Paese, 70 sacerdoti e almeno 450 fedeli. Il nunzio apostolico, mons. George Kocherry, ha presieduto la cerimonia di installazione; il nuovo arcivescovo ha invece presieduto l’eucarestia. La festa ha avuto anche un momento per ringraziare il vescovo emerito della diocesi, il card. Patrick D’Rozario, per i suoi 10 anni di servizio a Dhaka.

Nella sua omelia, mons. Bejoy, 64 anni, ha sottolineato che “tutti siamo chiamati da Gesù Cristo ad essere suoi discepoli. Siamo inadeguati, peccatori, ma Gesù vuole renderci come lui. E noi lo seguiamo”.

Mons. Bejoy ha espresso apprezzamento per la diocesi che “ha sacerdoti buoni e pieni di esperienza, religiosi e religiose e laici impegnati. Tutti loro sono la mia forza, quella che mi guida nel reggere la nuova arcidiocesi”.

Il prelato è presidente della Commissione episcopale per l’unità dei cristiani e per il dialogo interreligioso. Per questo egli vuole potenziare il lavoro comune con le altre fedi e le altre confessioni cristiane. “La fede religiose ha un grande potere: può trasformare le persone. Sebbene in Bangladesh vivano diverse fedi, è importante che vi sia unità e armonia per vivere meglio e in pace”. A questo scopo egli ha domandato soprattutto l’aiuto dei laici nello stare in contatto con persone di religioni differenti.

“Essere cristiani – ha aggiunto – significa essere testimoni di Cristo con le nostre opere buone e piene di gentilezza, come avviene già ora con l’impegno della Caritas, di alcune scuole e ospedali cristiani”.

Prima della conclusione della messa, il card. D’Rozario ha dato il benvenuto al nuovo arcivescovo assicurando il suo sostegno e la sua preghiera.

A nome di tutta la comunità, il laico Thomas Rozario e il p. Joyanto S Gomes hanno promesso obbedienza e collaborazione.

Papa Francesco ha nominato mons. Bejoy lo scorso 30 settembre. L’arcidiocesi di Dhaka raccoglie circa 80mila cattolici, suddivisi in 18 parrocchie e 14 stazioni missionarie. Il nuovo arcivescovo può contare sulla collaborazione di 115 sacerdoti, 17 seminaristi e 695 catechisti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Bejoy D’Cruze è il nuovo arcivescovo di Dhaka
30/09/2020 15:48
Bangladesh, Chiesa e laici lavorano per la protezione dei minori
20/05/2019 14:47
Vescovi cattolici ricevuti da Sheikh Hasina. Il pellegrinaggio alle radici della nazione
13/11/2020 12:11
Dhaka, effetto pandemia: meno matrimoni e con minori spese
10/08/2020 12:40
Card. D’Rozario: papa Francesco sarà ‘pellegrino per l’anima del popolo’ del Bangladesh
05/10/2017 15:43