30/03/2016, 10.54
CINA
Invia ad un amico

Pasqua in Cina: battesimi, la Passione a teatro, il pranzo per i poveri

di John Ai

Nonostante un clima politico molto teso, il Paese festeggia migliaia di nuovi cattolici: almeno 400 nella sola Pechino, lo stesso numero a Wenzhou (dove le croci vengono demolite e le chiese distrutte). I giovani di Tangshan recitano le ultime ore di Cristo davanti a centinaia di spettatori commossi; la diocesi di Xian offre un pasto e un dono ai senza fissa dimora: “La Chiesa è la mia casa e la mia luce”. Le foto delle celebrazioni.

Pechino (AsiaNews) – Nonostante un clima politico molto teso, la Pasqua di quest’anno ha testimoniato migliaia di battesimi in tutta la Cina. Nella sola Pechino se ne sono celebrati 400 nelle quattro maggiori chiese diocesane: la chiesa del Salvatore (Bei Tang), la cattedrale dell’Immacolata concezione (Nan Tang), la parrocchia di Nostra Signora del Carmelo (Xi Tang) e la chiesa di san Giuseppe (Dong Tang). Altissimo il numero di battesimi nella provincia settentrionale dell’Hebei, “roccaforte” cattolica del Paese.

Nella sola diocesi di Wenzhou – provincia orientale del Zhejiang, teatro della campagna per la demolizioni delle croci lanciata dal Partito – si sono celebrati 400 battesimi. Dopo diversi mesi di studio e riflessione, i catecumeni sono stati accompagnati al sacramento: la maggior parte di loro ha circa 20 anni e viene da una famiglia cristiana. La comunità cattolica è molto attiva nel predicare il Vangelo e nell’introdurre i vicini alla Chiesa. Alcuni invece la trovano da soli: una madre e sua figlia raccontano di aver cercato su internet l’indirizzo della parrocchia più vicina “e ora siamo sorprese e gioiose. La fede ci ha portato una felicità mai provata prima”.

La diocesi di Xian ha scelto anche quest’anno di portare avanti la tradizione “culinaria”. La Chiesa locale ha offerto il pranzo a centinaia di persone senza fissa dimora, cui è stato fatto anche un piccolo dono: uova di Pasqua, mele, candele e rosari. I volontari cattolici hanno spiegato il significato della grande festa e quello della Croce, distribuendo carte colorate agli ospiti. Questi hanno ricambiato scrivendo i propri auguri ed esprimendo il loro amore per Dio.

Uno di loro ha scritto: “La Chiesa cattolica è la mia casa e la mia luce. Auguro a tutti i cristiani una vita lunga e in salute”. Da quando è nato, il servizio “Sunday Love Kitchen” della diocesi offre un pasto ai senza fissa dimora ogni domenica dell’anno, con pietanze e regali speciali durante le festività.

Molto partecipate anche le cerimonie del Triduo. I sacerdoti di tutta la Cina hanno lavato i piedi ad anziani, bambini e disabili durante la messa “in Coena Domini” del Giovedì santo, mentre i giovani della chiesa Nan Tang di Xian hanno messo in scena la Passione di Cristo nel giorno del Venerdì Santo. La rappresentazione è stata curata da un gruppo teatrale giovanile e ha commosso i presenti. Anche a Tangshan, provincia dell’Hebei, i cattolici locali hanno rappresentato le ultime ore del Calvario di Cristo davanti a centinaia di spettatori.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Daejeon, Pasqua con anziani e malati per “portare la speranza di Cristo”
29/03/2013
Papa: Gesù il vero agnello sacrificale dell’Ultima Cena
05/04/2007
In Thailandia cattolici e musulmani uniti dalla Croce
25/03/2005
Mons. Hinder: Ad Abu Dhabi, testimoniare il Vangelo in una società segnata dall’islam (Foto)
24/04/2019 13:43
La Pasqua dei 5mila migranti ad Abu Dhabi (FOTO)
22/04/2019 05:22