03/06/2018, 12.53
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: dolore per le violenze in Nicaragua, serve dialogo e richiede rispetto

Con l’Eucaristia “noi facciamo esperienza della Nuova Alleanza, che realizza in pienezza la comunione tra Dio e noi. E in quanto partecipi di questa Alleanza, noi, pur piccoli e poveri, collaboriamo a edificare la storia come vuole Dio”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – “Dolore” di papa Francesco per le violenze che in Nicaragua hanno causato morti e feriti e invito al dialogo che esige rispetto. Appello dl Papa per il dialogo nel Paese centroamericano, oggi, all’Angelus. Francesco si è infatti detto unito ai vescovi “nell’esprimere dolore per le gravi violenze, con morti e feriti, compiute da gruppi armati per reprimere proteste sociali. Prego per le vittime e per i loro familiari. La Chiesa – ha aggiunto - è sempre per il dialogo, ma questo richiede l’impegno fattivo a rispettare la libertà e prima di tutto la vita. Prego perché cessi ogni violenza e si assicurino le condizioni per la ripresa al più presto del dialogo”.

In precedenza, prima della recita della preghiera mariana, alle 20mila persone presenti in piazza san Pietro aveva detto che ogni volta che celebriamo l’Eucaristia, “noi facciamo esperienza della Nuova Alleanza, che realizza in pienezza la comunione tra Dio e noi. E in quanto partecipi di questa Alleanza, noi, pur piccoli e poveri, collaboriamo a edificare la storia come vuole Dio”.

Illustrando il senso della odierna celebrazione del Corpus Domini, ossia la solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo il Papa aveva ricordato che “oggi in molti Paesi, tra i quali l’Italia, si celebra la solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, o, secondo la più nota espressione latina, del Corpus Domini. Il Vangelo ci riporta le parole di Gesù, pronunciate nell’Ultima Cena con i suoi discepoli: «Prendete, questo è il mio corpo. […] Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti» (Mc 14,22.24). Proprio in forza di quel testamento d’amore, la comunità cristiana si raduna ogni domenica, e ogni giorno, intorno all’Eucaristia, sacramento del Sacrificio redentore di Cristo. E attratti dalla sua presenza reale, i cristiani lo adorano e lo contemplano attraverso l’umile segno del pane diventato il suo Corpo.

Ogni volta che celebriamo l’Eucaristia, mediante questo Sacramento così sobrio e insieme così solenne, noi facciamo esperienza della Nuova Alleanza, che realizza in pienezza la comunione tra Dio e noi. E in quanto partecipi di questa Alleanza, noi, pur piccoli e poveri, collaboriamo a edificare la storia come vuole Dio. Per questo, ogni celebrazione eucaristica, mentre costituisce un atto di culto pubblico a Dio, rimanda alla vita e alle vicende concrete della nostra esistenza. Mentre ci nutriamo del Corpo e Sangue di Cristo, siamo assimilati a Lui, riceviamo in noi il suo amore, non per trattenerlo gelosamente, bensì per condividerlo con gli altri. Questa logica eucaristica. In essa infatti contempliamo Gesù pane spezzato e donato, sangue versato per la nostra salvezza. E’ una presenza che come fuoco brucia in noi gli atteggiamenti egoistici, ci purifica dalla tendenza a dare solo quando abbiamo ricevuto, e accende il desiderio di farci anche noi, in unione con Gesù, pane spezzato e sangue versato per i fratelli.

Pertanto, la festa del Corpus Domini è un mistero di attrazione a Cristo e di trasformazione in Lui. Ed è scuola di amore concreto, paziente e sacrificato, come Gesù sulla croce. Ci insegna a diventare più accoglienti e disponibili verso quanti sono in cerca di comprensione, di aiuto, di incoraggiamento, e sono emarginati e soli. La presenza di Gesù vivo nell’Eucaristia è come una porta, una porta aperta tra il tempio e la strada, tra la fede e la storia, tra la città di Dio e la città dell’uomo.

Espressione della pietà eucaristica popolare sono le processioni con il Santissimo Sacramento, che nell’odierna solennità si svolgono in tanti paesi. Esse costituiscono un segno eloquente del fatto che Gesù, morto e risorto, continua a percorrere le strade del mondo, si affianca a noi e guida il nostro cammino: alimenta la fede, la speranza e l’amore; conforta nelle prove; sostiene l’impegno per la giustizia e la pace. Anch’io questa sera, a Ostia – come fece il Beato Paolo VI 50 anni fa – celebrerò la Messa, a cui seguirà la processione con il Santissimo Sacramento. Invito tutti a partecipare, anche spiritualmente, mediante la radio e la televisione”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: il card. Obando Bravo, ‘pastore instancabile’ ed eroe della riconciliazione
05/06/2018 16:35
Il presidente Chen visita l’America Latina, pronta una nuova richiesta all’Onu
27/08/2007
Papa a Ostia: Corpus Domini, Gesù ci prepara un posto e un cibo e ci chiede di ‘preparare’
03/06/2018 18:59
Papa: L’Eucaristia è il sacramento che guarisce la nostra memoria, malata di frenesia
18/06/2017 19:19
Papa: “fare” l’Eucaristia con Gesù e spezzare il pane e la propria vita, per “dare da mangiare” ai fratelli
26/05/2016 20:59