12/07/2017, 13.40
FILIPPINE
Invia ad un amico

Mindanao, Duterte preme per l’approvazione della ‘Legge sul Bangsamoro’

L’obiettivo è la creazione dell’entità politica della regione a maggioranza musulmana. La struttura di governo sostituirà l’esistente Regione autonoma nel Mindanao musulmano. Il provvedimento è basato sul trattato di pace del 2014. Mons. Orlando Quevedo, arcivescovo di Cotabato: “L’autonomia opzione migliore del federalismo”.

Manila (AsiaNews) – L’amministrazione Duterte spinge per la ratifica della Legge fondamentale sul Bangsamoro (Bbl). Il progetto di legge ha come obiettivo la creazione dell’entità politica del Bangsamoro, regione storica della popolazione musulmana dell’isola di Mindanao (sud delle Filippine) e l’istituzione della sua struttura di governo, che sostituirà l’esistente Regione autonoma nel Mindanao musulmano.

Nonostante le accuse di incostituzionalità, il provvedimento è già stato approvato dalla Camera dei rappresentanti nel 2014. La Bbl è basata sull’Accordo globale sul Bangsamoro, un trattato di pace firmato dal precedente governo delle Filippine e i ribelli del Moro islamic liberation front (Milf) il 27 marzo 2014.

Il segretario Jesus Dureza, consigliere presidenziale per il processo di pace, ha dichiarato ieri l’intenzione di trasmettere quanto prima al Congresso la versione più recente della Bbl, certificandola come decreto urgente, senza una preventiva revisione da parte del presidente. “Non appena il presidente la riceverà, la legge sarà consegnata alla Camera e al Senato. – ha dichiarato Dureza – Ma l’ultima parola spetta al presidente”.

Mohagher Iqbal, capo negoziatore del Milf per la pace, ha dichiarato all'Inquirer che la Commissione per la transizione del Bangsamoro (Btc) è pronta a sottoscrivere la bozza della Bbl già il prossimo 17 luglio. Iqbal, membro della Btc, spera che il presidente Duterte mantenga la promessa di una “patria” per i Bangsamoro a Mindanao in tre anni. La Btc, composta da rappresentanti del governo e dai ribelli Moro [etnia della popolazione islamica di Mindanao ndr], si augura che il presidente certifichi l’urgenza del disegno di legge nel suo discorso sullo stato della nazione, il prossimo 24 luglio.

La Bbl è un provvedimento fondamentale per la forma di governo federale proposta da Duterte e dai suoi alleati. Aquilino “Koko” Pimentel III, presidente del Senato, e il sen. Sonny Angara, presidente del Comitato del senato per il governo locale, ieri si sono dichiarati ottimisti sul sostegno del Congresso alla misura.

In seguito al massacro di Mamasapano all'inizio del 2015, il precedente Congresso non era riuscito ad approvare la prima proposta della Bbl sotto l'amministrazione Aquino. In un discorso a Iligan City del mese scorso, Duterte ha promesso il passaggio della nuova versione. “Questa è la verità – ha affermato il presidente – Non sto scherzando... Nel terzo anno [del mio termine], Dio volendo, sarà lì e vedrete come costruiremo il nostro Paese”.

In un’intervista ad Eglises d’Asie, mons. Orlando Quevedo, arcivescovo di Cotabato e unico cardinale dell’isola di Mindanao, aveva espresso la sua posizione sulla riforma federalista del presidente e sulle sue implicazioni a Mindanao. “Presentare l'opzione federalista come una soluzione per il Bangsamoro, significa fraintendere le ingiustizie storiche subite dai musulmani, i Moro. Questo perchè il federalismo pone tutti gli Stati federali allo stesso livello, con uguali poteri e autonomia. Tuttavia, l'idea di una regione autonoma del Bangsamoro, dotata di propri poteri economici e politici, è più desiderabile”. Interrogato anche sulla crisi in corso a Marawi, l’arcivescovo ha affermato che senza una provincia autonoma del Bangsamoro, lo Stato islamico resterà una minaccia per la pace nelle Filippine e nel sud-est asiatico.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Manila, Camera e Senato approvano l’autonomia del Bangsamoro islamico
02/06/2018 07:43
Mindanao, il Bangsamoro islamico sarà autonomo. 'Diffidenza' di cristiani e musulmani
27/07/2018 15:53
Missionario a Mindanao: l’accordo Milf-governo non è perfetto, ma è meglio di niente
05/05/2015
Jolo, l’Isis rivendica l’attentato alla cattedrale. I vescovi: ‘Uniti contro l’estremismo’
28/01/2019 08:55
Missionario Pime sugli attentati di Jolo: ‘Il dialogo prosegue, nonostante tutto’
27/01/2019 12:24