06/05/2016, 12.22
VATICANO
Invia ad un amico

Messaggio del Vaticano per il Vesak: Cristiani e buddisti per una “educazione ecologica”

Il Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso propone ai buddisti di collaborare per “liberare l’umanità dalle sofferenze causate dai cambiamenti climatici, e contribuire alla cura per la nostra casa comune”. Cristiani e buddisti condividono la coscienza che i “deserti esteriori” sono provocati dai “deserti interiori”, e che la crisi ecologica è anzitutto “una crisi dell’io”.

Città del Vaticano (AsiaNews) - I “deserti esteriori” si moltiplicano perché si allargano sempre più i “deserti interiori”. Da questa citazione della “Laudato sì” (n.217) prende lo spunto il Messaggio che il Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso ha indirizzato al mondo buddista che in questi giorni celebra il Vesakh, la festa più importante del loro calendario, che ricorda i principali avvenimenti della vita di Buddha.

Nel Messaggio, a firma del card. Jean Louis Tauran, si ribadisce che “la crisi ecologica è un appello a una profonda conversione interiore”. Tale convinzione è viva anche fra i buddisti che in alcuni documenti sul cambiamento climatico e sulle nostre responsabilità, affermano che “al centro della crisi ecologica” vi è “una crisi dell’io, espressa dall’avidità, dall’ansia, dall’arroganza e dall’ignoranza dell’essere umano”.

“Coltivando uno sguardo interiore e la compassione, saremo in grado di agire per amore, non per paura, per proteggere il nostro pianeta” (Buddhist Climate Change Statement to World Leaders).

Il Messaggio fa notare la profonda sintonia fra queste affermazioni e quelle che papa Francesco ha scritto nella “Laudato sì”, con il suo appello a “diffondere un nuovo modello riguardo all’essere umano, alla vita, alla società e alla relazione con la natura” (n. 215) attraverso l’opera educativa.

Da qui l’invito alla collaborazione. “È una necessità impellente – si afferma nel Messaggio - che i seguaci di tutte le religioni valichino i loro confini e si uniscano nel costruire un ordine sociale responsabilmente ecologico basato su valori condivisi. Nei Paesi dove buddisti e cristiani vivono e lavorano fianco a fianco, possiamo promuovere la salute e la sostenibilità del pianeta attraverso programmi educativi comuni intesi a sviluppare la coscienza ecologica con iniziative congiunte”.

Lo scopo di tale collaborazione è “liberare l’umanità dalle sofferenze causate dai cambiamenti climatici, e contribuire alla cura per la nostra casa comune”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Messaggio del Vaticano per la festa del Buddha (Vesakh): insieme sulla via della non violenza
22/04/2017 12:44
Card. Gracias: appello ad una conversione ecologica, nella Giornata per la cura del creato
01/09/2017 08:51
Il Messaggio di Bartolomeo I per la Giornata di preghiera per la cura del creato, insieme ai cattolici
31/08/2015
Nuovo dicastero per Laici, famiglia e Vita. I vescovi potranno essere rimossi se “negligenti” nei casi di abusi sessuali
04/06/2016 13:04
Il Nepal blinda il compleanno del Buddha per impedire le proteste dei tibetani
10/05/2017 10:55