16/04/2021, 13.49
HONG KONG
Invia ad un amico

Margaret Ng: ‘Sono una servitrice della legge, ma prima ancora del popolo’

di Margaret Ng

È il motivo con cui la giurista e attivista democratica spiega ai giudici perché ha partecipato a una manifestazione non autorizzata. Libertà di espressione e di riunione pacifica sono i diritti più preziosi per la gente di Hong Kong. Difendere lo Stato di diritto anche nelle strade.

Hong Kong (AsiaNews) – L’ex parlamentare e giurista cristiana Margaret Ng è stata condannata oggi a 12 mesi di carcere per aver organizzato o partecipato a un'assemblea non autorizzata il 18 agosto 2019. La pena nei suoi confronti è stata sospesa. Insieme a lei sono stati condannati altri otto esponenti del fronte democratico, fra cui Jimmy Lai, Martin Lee e Lee Cheuk-yan. Prima delle lettura della sentenza, la Ng ha letto una dichiarazione di cui pubblichiamo alcuni passaggi. Per gentile concessione di Apple Daily (Traduzione a cura di AsiaNews).

Vostro Onore, la mia generazione ha lavorato per preservare le libertà e lo stile di vita originale di Hong Kong dopo il cambio di sovranità. Questo era così importante per tutti noi che, una volta diventato avvocato, non ho iniziato subito a praticare, ma ho accettato un posto di redattore al Ming Pao Daily News, perché ritenevo fondamentale per il futuro della città avere una forte stampa libera. [...]

La legge dovrebbe dare protezione ai diritti, non toglierli, soprattutto a Hong Kong, dove non vi è ancora una democrazia strutturata. Il popolo si è affidato alla legge per essere protetto, e i tribunali sono l’arbitro ultimo della legge. Quando una corte applica una legge che cancella i diritti fondamentali, la fiducia nei tribunali e nell'indipendenza giudiziaria viene scossa, anche se ciò è colpa della legge, non del giudice che la applica. [...]

La difesa dell'indipendenza giudiziaria non è a beneficio dei giudici, serve perché essi possano essere in grado di sostenere senza paura lo stato di diritto. [...]

Ho esortato il governo a non respingere la discussione sulle riforme, perché con la loro resistenza le autorità rischiano di creare le condizioni che rendono inevitabile e giustificabile la disobbedienza civile: cosa che nessuno di noi desidera vedere. [...]

Difendere lo Stato di diritto significa che noi stessi dobbiamo prendere sul serio i diritti, e questo è un impegno che dura tutta la vita. Non c'è diritto così prezioso per la gente di Hong Kong come la libertà di espressione e quella di riunione pacifica. Non solo la libertà di dire la verità è il nucleo della dignità umana, ma è anche l'ultima valvola di sicurezza in una società democratica, come hanno osservato più volte i nostri illustri giudici. Rispettare questi diritti è anche parte integrante della difesa dello Stato di diritto.

Ho imparato che lo Stato di diritto non deve essere difeso solo in tribunale, o nel Legco (il Parlamento cittadino), ma anche nelle strade e nella comunità. [...]

Quando il popolo, come ultima risorsa, ha dovuto dare espressione collettiva alla sua angoscia e sollecitare il governo a rispondere, protetto solo dalla sua aspettativa che l’esecutivo rispetti i suoi diritti, dovevo essere pronta a stare con i cittadini, a stare al loro fianco e a difenderli. Altrimenti, tutti i miei impegni e le mie promesse sarebbero solo parole vuote.

Il popolo di Hong Kong è un popolo amante della pace e ben disciplinato. Il loro risoluto autocontrollo anche in situazioni molto emotive è stato dimostrato più volte. Nelle ore critiche del passaggio di sovranità [dalla Gran Bretagna alla Cina], tra il 30 giugno e il primo luglio 1997, il grande evento è passato senza difficoltà . Il primo luglio 2003, nella marcia a cui hanno partecipato mezzo milione di persone, non è stato rotto nemmeno un vetro. Lo stesso è accaduto nel 2019, quando più di un milione di cittadini ha marciato il 9 giugno e più di 2 milioni una settimana dopo. La pace e il buon ordine delle massicce folle hanno stupito e conquistato l'ammirazione del mondo.

E nella manifestazione per cui sono ora sotto processo, questo è stato dimostrato di nuovo. Secondo le stime degli organizzatori, più di 1,7 milioni di persone hanno preso parte al corteo. Ma qualunque sia la cifra esatta, l'enorme e densa folla, la risoluta pazienza con cui essa ha aspettato sotto la pioggia battente, sono state catturate in filmati conservati per i posteri.

Il numero e la perseveranza parlavano molto dell'intensità dei sentimenti nella comunità: tuttavia l'autocontrollo era sotto gli occhi di tutti. Non è contestato nemmeno dall'accusa che l'evento è stato del tutto pacifico e ordinato, senza alcuna situazione spiacevole. I dimostranti avevano tenuto fede agli impegni assunti con gli organizzatori: essere "pacifici, razionali e non violenti". In questi momenti non possiamo abbandonare il popolo, ma dobbiamo stare al suo fianco, nella speranza che la pace possa prevalere.

Che la manifestazione sia stata pacifica è stato riconosciuto due giorni dopo anche da Carrie Lam, capo dell’esecutivo, secondo cui essa avrebbe facilitato il dialogo tra il governo e il pubblico. In realtà, il dialogo non è continuato a lungo, ma è stato un passo nella giusta direzione. [...]

Sono arrivata tardi alla pratica legale. Sono invecchiata al servizio dello Stato di diritto. So che Sir Thomas More è il santo patrono della professione legale. Fu processato per tradimento perché non aveva piegato la legge alla volontà del re. Le sue ultime, famose parole sono ben conosciute; mi permetto però di adattarle leggermente per farle mie: “Sono una buona servitrice della legge, ma prima ancora del popolo. Perché la legge deve servire il popolo, non il popolo la legge”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Governo di Hong Kong: ‘Interferenza barbarica’ dare ospitalità a ‘criminali’ democratici
09/04/2021 14:39
Hong Kong, democratici condannati: è guerra di parole tra Pechino e l’Occidente
19/04/2021 14:12
Hong Kong: altri due mesi di carcere per Jimmy Lai e Lee Cheuk-yan
17/04/2021 11:00
Hong Kong, attivisti condannati: la lotta per la libertà continua
01/04/2021 14:35
Hong Kong: fino a 18 mesi di carcere per nove personalità democratiche
16/04/2021 11:22