17/01/2020, 13.19
MALAYSIA
Invia ad un amico

Kuala Lumpur: Povertà, leggi e tradizioni tra le cause dei matrimoni infantili

Il governo presenta un piano strategico quinquennale per contrastare il fenomeno. Tra le azioni previste dal piano vi è l'aumento dell'età minima del matrimonio da 16 a 18 anni per le ragazze. Ma diversi Stati si oppongono.

Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – La povertà, il mancato accesso ad istruzione ed educazione sessuale, lo stigma sociale secondo cui le nozze sono la scelta migliore per risolvere i problemi: sono alcuni dei sei fattori identificati dal governo malaysiano come principali cause per i matrimoni infantili. Ieri, il governo federale di Kuala Lumpur ha presentato al pubblico sette obiettivi, 17 strategie e 58 tra programmi e azioni per affrontare il diffuso fenomeno attraverso un piano strategico quinquennale (2020-2025).

Durante la conferenza stampa di presentazione del documento, la dott.sa Wan Azizah Wan Ismail – vice primo ministro malaysiano – ha affermato che il piano non solo affronterà le cause del matrimonio minorile, ma indirettamente aiuterà a superare altre problematiche sociali che affliggono famiglie e bambini. “Il matrimonio minorile – ha spiegato la vicepremier – ha un profondo impatto sulla salute di un adolescente; studi dimostrano che le ragazze incinte di età compresa tra 15 e 19 anni corrono un rischio maggiore di morte durante la gravidanza o il parto”. La dott.sa Wan Azizah, che è anche ministro per le Donne, la Famiglia e lo Sviluppo comunitario, ha annunciato che 61 agenzie nazionali parteciperanno all’iniziativa del governo. Tra le azioni previste dal piano vi è il rafforzamento dei programmi di sostegno socioeconomico e sensibilizzazione; l'aumento dell'età minima del matrimonio a 18 anni per le ragazze; e la fornitura di servizi per la salute sessuale e riproduttiva adatti ai bambini. Un comitato direttivo guidato dal ministero monitorerà l'attuazione del piano.

La viceministro Hannah Yeoh affermato che il governo si impegnerà anche con i non musulmani, gli Orang Asli [gli aborigeni malaysiani, ndr] e i nativi degli Stati di Sabah e Sarawak (nel Borneo), al fine di coinvolgere tutte le comunità nella lotta ai matrimoni infantili. “Ottenere il consenso dei singoli Stati per cambiare la legge è necessario solo per quanto riguarda le unioni islamiche. I nostri dati, tuttavia, mostrano che i matrimoni tradizionali a Sabah e Sarawak [gli unici due Stati dove i cristiani sono la maggioranza, ndr] sono ugualmente diffusi tra i non musulmani”. Finora solo lo Stato di Selangor ha aumentato a 18 anni l'età legale per i matrimoni tra musulmani, mentre in altri Territori federali la normativa è in via di modifica. Penang, Sabah, Johor, Melaka e Perak hanno accettato di farlo; Sarawak, Pahang, Terengganu, Perlis, Negri Sembilan, Kedah e Kelantan si oppongono.

Fuzia Salleh, viceministro nel Dipartimento del premier, ha aggiunto che il governo ha introdotto linee guida che rendono obbligatoria la presentazione delle domande per i matrimoni islamici tra minorenni presso l'Alta corte della Syariah [organo deputato alla giurisprudenza islamica, ndr]. “I genitori devono presentare al tribunale relazioni sulla salute fisica e mentale rilasciate dai funzionari sanitari e dal Dipartimento di previdenza sociale. Padri e madri saranno anche interrogati, per determinare i fattori alla base delle loro domande”, ha spiegato Salleh.

In Malaysia, le leggi islamiche e civili consentono ai minorenni di sposarsi. Secondo la legge civile, i non musulmani possono sposarsi solo a partire dai 18 anni. Le ragazze non musulmane possono sposarsi a partire dai 16 anni, a condizione che ottengano il permesso del rispettivo Menteri Besar [il chief minister dello Stato, ndr]. Per i musulmani, l'età minima del matrimonio è la stessa di ragazze e ragazzi non musulmani. Si possono tuttavia fare eccezioni, purché i giovani ottengano il consenso dei tribunali religiosi. Il Codice civile stabilisce inoltre che un genitore o un tutore legale possa dare il proprio consenso scritto a matrimoni tra minorenni.

Secondo statistiche ufficiali, tra il 2005 e il 2015 sono stati registrati 10.240 matrimoni di tra bambini musulmani, una media di 1.024 ogni anno. Per i non musulmani, un totale di 2.104 ragazze si sono sposate all'età di 16 anni tra il 2011 e settembre 2015. Ciò significa che ogni anno si sposano circa 420 ragazze non musulmane sotto i 18 anni.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kelantan, musulmano 41enne sposa bambina di 11 anni
02/07/2018 11:11
Attivisti pakistani: La legge contro i matrimoni infantili va approvata
27/05/2019 12:33
In India record mondiale di nati a Capodanno: oltre 67mila bambini
02/01/2020 08:54
Jakarta, la Corte suprema difende il ‘diritto’ dei bambini a sposarsi
23/11/2018 09:03
Una fatwa malaysiana condanna le ragazze “maschiaccio”
24/10/2008