06/02/2014, 00.00
LIBANO
Invia ad un amico

Il patriarca Raï: "il Libano sarà costruito insieme o non sarà"

di Fady Noun
Una "Memoria" indirizzata alle componenti della società politica libanese, nella fase "più critica" della sua esistenza. La perdita "di fatto" del senso del Patto nazionale. Il valore della neutralità, la guerra in Siria e Israele. Le "priorità" che si impongono.

Beirut (AsiaNews) - "Il Libano sarà costruito insieme o non sarà": lo scrive il patriarca maronita in una "Memoria" che mette in guardia i libanesi sull'indebolimento del loro patto di vita insieme e che li invita a rimettere ordine nelle loro priorità.

E' una lettera molto bella, una "memoria" molto bella, molto sincera, quella che il Patriarca ha indirizzato ieri, a conclusione della riunione mensile dell'assemblea dei vescovi maroniti, alle componenti della società politica libanese, per ricordare "che esse hanno fatto il Libano insieme" - la proclamazione del Grande Libano porta la data del 1920 - e "che esse ne debbono preservare insieme l'esistenza".

Se le cose sono detta con tale gravità e perché, secondo il Patriarca, il Libano sta vivendo una fase critica della sua esistenza, "la più critica", nelle sue parole, e che per superarla ha bisogno di tutta la sua memoria storica.

Di qui l'affermazione che ""Il Libano sarà costruito insieme o non sarà" (17), contenuta in questo documento ricco e ben articolato.

Se queste parole, del tutto ovvie, sono necessarie oggi è perché, afferma in sostanza il documento, le diverse comunità che compongono il Libano sono estremamente polarizzata dall'esistenza di assi politici regionali, ai quali esse debbono maggiore o minore fedeltà.

Di fatto, diviso tra l'asse siro-iraniano e l'Arabia Saudita, il Libano vive in questo momento ore cruciali. Esso è risucchiato, poi, nella guerra in Siria, divenuta il punto di convergenza di tutte le alleanze regionali e internazionali, il luogo nel quale si gioca una parte determinante del futuro del Medio Oriente. Una partita che, sul piano locale, si è tradotta, attraverso un'acerrima lotta di potere che ha completamente falsato il ruolo delle istituzioni, "nel punto di paralisi" sottolineato dalla memoria.

Il patriarca maronita custode del Libano

Cosciente del pericolo e del fatto che la storia ha fatto dei patriarchi maroniti i fondatori e "i custodi" del Libano, il patriarca Raï ha sentito il dovere di ricordare agli uni e agli altri le costanti storiche che impediranno al Libano di essere diviso fino ad esplodere e gli permetteranno di vivere secondo la sua vocazione, quella di essere "più che un Paese, un messaggio, un modello di libertà e di pluralismo per l'Oriente e l'Occidente", secondo la felice formula di Giovanni Paolo II con la quale si conclude il messaggio.

Per farsi capire, il patriarca risale alle origini della creazione del Libano indipendente, fondato su un "Patto nazionale" orale (mithaq), che è il consenso, l'adesione a una "convivialità (islamo-cristiana) che gli è precedente".

La Memoria deplora la perdita di fatto, in interi settori della sfera politica, del senso del "patto", a vantaggio di una lotta feroce per il potere e invita a ritrovarlo e rinvigorirlo.

Formula e Costituzione

Il Patto di fondazione, prosegue il Patriarca, si è incarnato in una "formula" (sigha) e in una Costituzione. La formula si esprime attraverso "due negazioni", "Né Oriente, né Occidente" che erano un consenso a una volontà di vivere insieme. All'epoca, sostiene il Patriarca, quel "né... né" significava no all'unione con la Siria e no all'obbedienza alla Francia. Oggi ciò che va recuperato è "l'essenziale della formula", l'adesione a una vita insieme che è la rinuncia a legami esterni, e non la sua lettera.

Dopo "il patto" e "la formula" viene "la Costituzione", che incarna la volontà di condivisione nell'esercizio del potere e di edificazione delle istituzioni, che si è evoluta verso il rispetto del principio della parità islamo-cristiana in parlamento, nel governo e nelle alte cariche amministrative.

La neutralità positiva

Il Patriarca pone al rango delle costanti fondamentali il principio della "neutralità positiva", sottinteso dalla formula. Egli ricorda che questa neutralità si esprime nei confronti degli assi politici verso i quali sono attratte le comunità libanesi, ma che non escludono in alcun modo l'impegno del Libano per le grandi cause del mondo arabo, a cominciare dalla causa palestinese.

A proposito della neutralità egli assicura che "lungi dall'isolare il Libano dagli impegni regionali, come alcuni temono, è il modo migliore per difendere il pluralismo in società composite" (15) come quella libanese.

Va da sé che la maggiore violazione della neutralità che protegge il Libano è, agli occhi di molti libanesi, l'impegno militare di Hezbollah in Siria e le rappresaglie che esso comporta sul suolo libanese, sotto la forma di attentati suicidi.

Senza nominare Hezbollah, il documento patriarcale sottolinea l'importanza, per il Libano, "di impedirsi di essere un punto di passaggio o un punto di partenza di azioni capaci di coinvolgere il Libano in conflitti (...) tra assi regionali o internazionali". Nel passo, il Patriarca non manca di auspicare una soluzione pacifica della guerra in Siria.

Per bilanciare, la memoria evoca la necessità si una "strategia di difesa nazionale" che permetterebbe al Libano di "recuperare le sue terre sottratte (da Israele) e di proteggere i suoi confini".

Le priorità

A conclusione, il Patriarcato si fa il dovere di trarre le conseguenze dei pericoli reali corsi dal Libano e di ricordare "le priorità" d'azione che ritiene si impongano. Esse sono:

  • Il procedimento della costruzione delle istituzioni (dopo la conservazione di ciò che si è acquisito), nello sforzo di aiutare il potere centrale a emergere e imporsi.

  • L'elezione di un nuovo capo dello Stato e la promozione del dialogo interno.

  • L'elaborazione di una nuova legge elettorale e l'organizzazione di elezioni politiche.

  • La formazione di un governo.

  • Il decentramento amministrativo.

  • La prosecuzione dell'applicazione dell'accordo di Taif (che prevede la creazione di un Senato) e la correzione delle sue mancanze.

  • L'attenzione per i giovani.

  • La promozione del ruolo della donna.

  • La riforma amministrativa e la lotta contro tutto ciò che corrompe l'organizzazione dello Stato (corruzione e clientelismo),

  • L'apertura al mondo, in particolare al mondo dell'emigrazione e la votazione di una legge che permetta agli aventi diritto di recuperare la nazionalità libanese.

  • La partecipazione del Libano all'emergenza di un vero rinnovamento arabo e la fedeltà all'apertura e ai tradizionali amici del Libano.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il patriarca maronita alla ricerca del dialogo con Hebollah
10/11/2012
Patriarca Rai: un governo entro Natale, come regalo per rilanciare il futuro del Paese
07/12/2016 08:52
Patriarca Rai: in Libano un governo “inclusivo” ispirato alla Costituzione e al Patto nazionale
14/11/2016 11:10
Il patriarca Rai: La legge sullo Stato ebraico esclude cristiani e musulmani
23/07/2018 12:45
Dichiarazioni di ottimismo alla ripresa del dialogo inter-libanese
14/03/2006