06/11/2018, 08.54
YEMEN
Invia ad un amico

Hudaydah, decine di migliaia di civili sotto assedio. In Yemen situazione ‘drammatica’

La coalizione saudita si prepara all’assalto finale contro gli Houthi. Dal porto di Hudaydah entrano l’80% di viveri e aiuti umanitari. I combattimenti si concentrano attorno all’università e potrebbero coinvolgere l’ospedale più importante della città. Fonti di AsiaNews: nessuno spiraglio per sperare “in un miglioramento”. Si teme una carestia che potrebbe colpire fino a 14 milioni di persone.

 

Sana’a (AsiaNews) - Decine di migliaia di civili sono sotto assedio nella periferia sud di Hudaydah, città portuale nella zona orientale del Paese, punto strategico per il passaggio di merci e persone. Nell’area la coalizione araba a guida saudita ha lanciato da tempo una imponente offensiva contro le milizie ribelli sciite Houthi, asserragliate nella zona e pronte a una battaglia sanguinosa per difendere il territorio. 

Negli ultimi giorni la coalizione araba ha ammassato migliaia di soldati attorno alla città, rafforzando l’assedio contro gli Houthi. Tuttavia, un portavoce precisa che “l’assalto finale” non è “imminente” e servirà ancora tempo per lanciare l’offensiva. 

Dal porto di Hudaydah entrano circa l’80% dei viveri e degli aiuti umanitari destinati allo Yemen. I combattimenti si concentrano attorno all’università, distante circa quattro chilometri dal porto. Il timore è che la battaglia possa spingersi fino all’ospedale di Al Thaoura, dove si trovano ricoverati al suo interno centinaia di pazienti. “Tutti i civili che vivono fra l’aeroporto e l’università - sottolinea Isaac Ooko. responsabile dell’Ong Norwegian Refugee Council (Nrc) - sono presi sotto assedio. Gli ultimi quattro giorno sono stati duri, una catastrofe”. 

Intanto fonti di AsiaNews nel Paese, che preferiscono l'anonimato, confermano che la situazione “resta drammatica” e non si vedono “spiragli” che possano far sperare “in un miglioramento nel prossimo futuro”. La sola speranza, avverte la fonte, consiste “nella fine o, almeno, un'interruzione del conflitto”. Tuttavia, nessuna delle parti in lotta - dall’Arabia Saudita all’Iran, passando per gli Emirati Arabi Uniti - “sembra intenzionata a deporre le armi”.

La drammatica portata del conflitto fra forze governative sostenute dai sauditi e ribelli Houthi (filo-iraniani) è racchiusa nelle cifre: secondo stime ufficiali dal marzo 2015 a oggi si sono registrati oltre 10mila morti e almeno 55mila feriti. In realtà, alcuni organismi indipendenti fissano il bilancio (fra gennaio 2016 e fine luglio 2018) a circa 50mila decessi. Dato che riguarda solo i combattenti sul campo, non le cosiddette “vittime indirette” (civili) per malnutrizione o colera.

Inoltre, secondo gli esperti delle Nazioni Unite lo Yemen corre “l’evidente pericolo” di una carestia imminente e dalle dimensioni gigantesche, che potrebbe colpire sino a 14 milioni di persone. Il prezzo degli alimenti è più che raddoppiato, la moneta locale è ai minimi storici, i continui attacchi aerei della coalizione araba a guida saudita hanno fatto impennare il numero delle vittime civili (+164%) e il blocco alle importazioni impedisce l’ingresso di cibo e medicinali.

La prospettiva nel futuro prossimo è di subire la peggiore carestia degli ultimi 100 anni.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Yemen: dietro impulso di Washington, sauditi ed emirati mediano una pace ‘di facciata’
02/11/2018 09:02
Yemen, emergenza idrica: la Croce rossa acquista carburante per pompare acqua
30/11/2017 08:58
Riyadh allenta il blocco in Yemen, via libera al primo carico di aiuti Onu
27/11/2017 09:04
Vicario d’Arabia: profanato il cimitero cristiano di Aden. Il disastro dello Yemen
22/11/2017 12:10
Msf: il blocco saudita alle frontiere dello Yemen impedisce gli aiuti a una popolazione stremata
09/11/2017 12:48