28/02/2019, 11.17
FILIPPINE
Invia ad un amico

Duterte chiude un occhio sui cinesi irregolari. Mons. Santos: 'Ingiusto' verso i filippini

"Nessuna eccezione, nessun trattamento speciale". Il presule risponde al presidente, favorevole a non deportare i cinesi senza documentazione. Duterte aveva citato la "concreta possibilità" che anche i filippini in Cina potrebbero esser rimpatriati. È cinese il 74% dei 533 stranieri arrestati da Manila nel 2018.

Manila (AsiaNews) – Tollerare i flussi di migranti cinesi senza regolare documentazione è "ingiusto nei confronti dei filippini": lo afferma mons. Ruperto Cruz Santos (foto), vescovo di Balanga e presidente della Commissione episcopale per i Migranti e gli Itineranti.

Il presule dichiara a CbcpNews che la normativa in materia d'immigrazione dev'essere applicata in tutti i casi, a prescindere da nazionalità o status. "Il loro ingresso, soggiorno e impiego devono essere legali e, in caso contrario, è necessario applicare la legge. Nessuna eccezione, nessun trattamento speciale", ribadisce mons. Santos.

Le dichiarazioni del vescovo di Balanga suonano come una risposta alle affermazioni del presidente Rodrigo Duterte, che lo scorso 23 febbraio si è dichiarato favorevole all'idea di non deportare dal Paese gli irregolari di nazionalità cinese. Durante un comizio elettorale nella provincia di Laguna, Duterte ha dichiarato: "Lasciate che restino qui per lavorare". Spesso criticato per le sue politiche conciliatorie nei confronti di Pechino, il presidente ha difeso il suo commento paragonando la situazione dei migranti cinesi a quella dei concittadini filippini in Cina. "Abbiamo 300mila filippini lì – ha dichiarato –. Cosa succederebbe se li cacciassero tutti?".

Nel 2016, il consolato filippino di Hong Kong ha stimato in circa 200mila i filippini che lavorano come collaboratori domestici in Cina, pur non essendo in possesso dei necessari documenti. In un discorso pubblico di novembre 2018, Duterte ha sottolineato che "esiste la concreta possibilità" che anche i filippini in Cina potrebbero diventare vittime della deportazione, quindi Manila dovrebbe evitare di "intervenire in modo risoluto su questo problema". All'inizio di questo mese, l'Ufficio filippino per l'immigrazione ha riportato che il 74% dei 533 stranieri arrestati nel 2018 sono cittadini cinesi. Il 7 febbraio, le forze di sicurezza ne hanno arresti 30 che lavoravano in modo illegale in diversi stabilimenti industriali di Parañaque City (Metro Manila).

Mons. Santos ha anche respinto le affermazioni provenienti dal Palazzo di Malacañang (la residenza presidenziale), secondo cui l'ondata di lavoratori cinesi è dovuta alla mancanza di competenze tra i filippini, soprattutto nel settore delle costruzioni. "Potrebbe essere che non stiamo dando loro lavoro, mentre abbiamo scelto di darlo ad altre nazionalità. E quindi è un trattamento ingiusto per i nostri concittadini", aggiunge il vescovo. Il presule esorta il governo a garantire che i filippini non siano derubati delle opportunità di lavoro nel proprio Paese e conclude: "Date la priorità ai filippini e fateli lavorare qui, in modo che non vi sia la necessità di andare all'estero".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Manila, l’impegno dell’Asean per la tutela dei lavoratori migranti
14/11/2017 14:48
Vescovo filippino: Preghiamo e speriamo che Mary Jane venga liberata presto
30/04/2015
Vescovo filippino: Rimpatriate i lavoratori migranti in Arabia Saudita e Iran
08/01/2016
Vescovo di Balanga: Grazie alla Chiesa, migliora la situazione dei filippini in Kuwait
01/03/2016 10:41
Bangkok, giro di vite sugli immigrati irregolari ‘dalla pelle scura’
22/10/2018 12:54