21/11/2019, 08.52
INDIA
Invia ad un amico

Carmelitana di Mumbai: Lasciando tutto e seguendo Gesù, riceviamo cento volte tanto

di Nirmala Carvalho

Oggi ricorre la memoria liturgica della Presentazione di Maria al Tempio e la giornata dedicata alla vita contemplativa femminile. Sr. Radha, di nobile famiglia indù di Brahmini si è convertita al cristianesimo. In questo periodo le suore si occupano della preparazione delle ostie per l’Avvento e il Natale.

Mumbai (AsiaNews) – Nel lasciare tutto e seguire Gesù, “riceviamo cento volte tanto, siamo benedette con qualsiasi cosa”. Lo dice ad AsiaNews sr. Radha, 71 anni, carmelitana di clausura del monastero di Andheri East, quartiere di Mumbai, nella giornata dedicata alla vita contemplativa. La suora proviene da una famiglia indù di Brahmini, la casta più elevata del sistema sociale indiano. Si è convertita al cristianesimo e ha lasciato gli agi della famiglia. Ma non è preoccupata, perché “Gesù ha detto che chi avesse lasciato tutto per seguirlo, avrebbe ricevuto cento volte tanto”.

Oggi ricorre la memoria liturgica della Presentazione di Maria al Tempio. In questo giorno, nel 1953 papa Pio XII ha voluto istituire la “Giornata Pro Orantibus” che la Chiesa dedica al ringraziamento per il dono delle comunità claustrali. Questa mattina nel convento delle carmelitane vicino a Mumbai si è tenuta una preghiera speciale e una colazione festosa. Il sacerdote celebrante ha focalizzato la sua predica sulla Vergine Maria e la sua chiamata alla santità.

Poi, come qualsiasi altro giorno, le monache sono tornate a lavoro. “In questo periodo – racconta sr. Radha – siamo molto occupate nella preparazione delle ostie. Dal 13 al 19 dicembre saremo in ritiro e dato che la richiesta delle ostie per il periodo dell’Avvento e del Natale è in aumento, dobbiamo lavorare ogni giorno”.

Data la sua origine di casta elevata, sr. Radha conosce la penosa condizione dei poveri e l’oppressione del sistema delle caste. “I poveri – dice – sono soli e nel bisogno. Siamo grati a papa Francesco che pone attenzione verso i poveri, e al nostro amato card. Oswald Gracias che è amico dei poveri e si prende cura dei loro bisogni nell’arcidiocesi di Mumbai”.

Per quanto riguarda i dalit (ex “intoccabili”), “in alcune aree del nostro monastero ospitiamo 30-35 famiglie dalit cristiane. Il card. Gracias dimostra verso di loro sensibilità pastorale e compassione, pone attenzione alle cure sanitarie, affinchè ricevano un’istruzione ed è sempre desideroso d’includerli nella vita della Chiesa e nella società. Il cardinale è anche amico delle carmelitane di clausura e quando viene a farci visita porta doni nelle sue mani”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Da indù a carmelitana: “Prego e soffro per il mondo, anche per l’Orissa”
21/11/2008
Dalla clausura in India, gratitudine al papa che "comprende i nostri bisogni"
21/11/2008
Un ostensorio per le suore, le più povere nella Chiesa e nella società cinese
20/11/2008
La clausura degli Angeli, cara ai musulmani di Karachi
22/11/2008
Carmelitane thai, le "suore nascoste" che accolgono i bisogni di tutti
20/11/2008