04/11/2019, 11.32
IRAQ - IRAN
Invia ad un amico

Baghdad, manifestanti in piazza ‘fino alla caduta del regime’

Strade interrotte, scuole e uffici pubblici chiusi, giovani e non uniti nella comune appartenenza irakena. L’onda della protesta dilaga nella capitale e nelle città del sud. Nel mirino il consolato iraniano e Kerbala. Il patriarca caldeo visita i manifestanti di piazza Tahrir e dona delle medicine. Una preghiera ecumenica per la pace e la stabilità. 

Baghdad (AsiaNews) - Strade interrotte; scuole e uffici a Baghdad e nelle città del sud dell’Iraq chiusi da ieri, primo giorno della settimana lavorativa; studenti, giovani, semplici cittadini di diverse etnie e confessioni, uniti nella piazza. In Iraq continuano con rinnovato vigore le manifestazioni anti-governative, iniziate il primo ottobre e riprese il 24 del mese scorso dopo una breve interruzione. Una protesta di piazza, assicurano i partecipanti, che continuerà con il blocco totale del servizio pubblico “fino alla caduta del regime”. 

Le contestazioni, che hanno registrato il sostegno dei capi delle Chiese in Iraq, hanno fatto registrare il mese scorso circa 260 morti e migliaia di feriti. Lo stesso patriarca caldeo, il card. Louis Raphael Sako, nei giorni di maggiore tensione si è recato in ospedale come segno di solidarietà con i feriti, in larga parte musulmani, e contribuire con una donazione all’acquisto di medicine. 

Il patriarcato segue da vicino l’evolversi della situazione e plaude all’impegno di giovani e non, “uniti” dalla comune appartenenza alla nazione irakena, per il futuro del Paese. Una vicinanza rinnovata anche il 2 novembre scorso, quando il porporato (vedi foto) ha visitato la folla in piazza Tahrir, incontrato i manifestanti e donato loro delle medicine. “Siamo venuti per esprimere la nostra ammirazione - ha sottolineato - per questi giovani che hanno spezzato le barriere settarie e riguadagnato l’identità della nazione irakena” e “al governo chiediamo di ascoltare il loro grido legittimo”.

Oggi pomeriggio, presso la cattedrale di san Giuseppe a Baghdad, il patriarcato terrà una “preghiera ecumenica” per la pace e la stabilità. 

Intanto nel Paese si moltiplicano gli appelli alla disobbedienza civile. I sindacati di professori, ingegneri, medici e avvocati sono in prima linea a guidare la protesta, dopo aver proclamato uno sciopero generale che rischia di paralizzare scuole e uffici pubblici nella capitale e nel sud. A Baghdad alcuni giovani manifestanti hanno posizionato alcune auto di traverso nelle strade per bloccare il passaggio, mentre una folla sempre più numerosa si sta radunando a piazza Tahrir, epicentro della contestazione. 

A Kout, periferia sud della capitale, il 25enne manifestante Tahsine Nasser spiega che “bloccare le strade” permette di inviare “un messaggio al governo”. “Diciamo loro - prosegue - che resteremo per strada fino alla caduta del regime e alla cacciata di ladri e corrotti”. Ad al-Hilla, nella provincia di Babilonia, la maggior parte dei funzionari pubblici sono in sciopero; chiuse le scuole anche a Bassora, nel sud. Nelle città sante sciite di Kerbala e Najaf sempre più studenti delle scuole religiose si uniscono alle manifestazioni che non hanno un carattere settario, etnico o confessionale, ma sembrano unire i partecipanti sotto un’unica bandiera irakena. 

Interrotto anche il traffico di merci e veicolo in direzione del porto di Oum Qasr, strategico per l’approvvigionamento di merci e carburanti, tanto da suscitare le prime preoccupazioni - e le ire - delle autorità. Oggi, sottolineano analisti ed esperti, “per la prima volta da decenni è la società civile irakena a farsi sentire” dopo l’autoritarismo del partito Baat e di Saddam Hussein e le derive confessionali, con le relative violenze, che sono seguite alla caduta dei raìs nel 2003. 

Il pericolo è che la mobilitazione pacifica, ma ferma, possa essere ancora oggetto di attacchi, violenze e intimidazioni come successo nelle scorse settimane. E restano anche i timori di un possibile intervento di potenze straniere - regionali e internazionali - con interessi nel Paese. Ieri decine di manifestanti hanno attaccato il consolato iraniano nella città santa sciita di Kerbala, scalando l’edificio e strappando la bandiera della Repubblica islamica, sostituita con una dell’Iraq. Le forze di sicurezza hanno sparato colpi in aria per disperdere la folla, che ha risposto scagliando sassi e bruciando gomme. Un primo, parziale bilancio parla di almeno tre vittime; ora si attente la (possibile) risposta di Teheran. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Proteste anti-governative: otto morti nel sud, in fiamme il consolato iraniano a Najaf
28/11/2019 08:58
Patriarca caldeo: Il futuro dei cristiani irakeni passa dalla piana di Ninive
09/12/2019 09:44
Card Sako: nella protesta e a Natale rinasce il popolo irakeno
04/12/2019 12:02
Ausiliare di Baghdad: l’appello del papa monito per i politici, conforto per tutti gli irakeni
02/12/2019 13:09
Patriarcato caldeo: preghiere per i ‘martiri’ di Nassiriya, Najaf e Baghdad
30/11/2019 08:00