02/12/2019, 13.09
IRAQ - VATICANO
Invia ad un amico

Ausiliare di Baghdad: l’appello del papa monito per i politici, conforto per tutti gli irakeni

Per mons. Warduni i giovani in piazza hanno bisogno di sentire “la nostra solidarietà e vicinanza”. Il pontefice “ha a cuore” il futuro della nazione, non solo dei cristiani. Affrontare e risolvere i problemi “dalle fondamenta”. Ieri il Parlamento ha accolto le dimissioni del premier Mahdi. Nel Paese prosegue la protesta, nuove vittime. 

Baghdad (AsiaNews) - L’appello di papa Franesco è fonte “di grande conforto” per tutti gli irakeni, non solo i cristiani, a maggior ragione in un momento in cui Europa e Stati Uniti “non fanno nulla e restano in attesa di vedere cosa succede”. È quanto racconta ad AsiaNews mons. Shlemon Audish Warduni, vescovo ausiliare di Baghdad e braccio destro del patriarca caldeo, commentando il nuovo appello lanciato ieri dal pontefice che guarda con “preoccupazione” alla “situazione” in Iraq. I giovani in piazza, aggiunge il prelato, hanno bisogno di sentire “la nostra solidarietà e vicinanza” in un periodo di forte tensione e di cambiamento nella storia recente del Paese. 

Le parole del papa - aggiunge - vengono “da una persona che vuole il bene del nostro Paese e di tutto il mondo, senza interessi e senza fanatismo”. Quando il pontefice “dice di non far male ai manifestanti è una cosa molto bella” perché testimonia il fatto che “ha a cuore” il futuro di tutta la nazione visto che “la grande maggioranza delle persone in piazza sono musulmani”. 

Tuttavia, queste settimane di protesta anti-governativa “hanno mostrato che anche i cristiani sono vicini ai loro fratelli” e che tutti “possiamo vivere insieme. Anzi, è proprio nelle piazze - aggiunge mons. Warduni - che nascono nuovi rapporti di amicizia fra cristiani e musulmani. Vi sono tantissimi giovani che hanno bisogno di conforto, che hanno bisogno di star bene e diventare una comunità. Sono giovani che hanno scritto sui muri che ‘Dio è amore’”.

Sul fronte politio, intanto, ieri l’Assemblea ha accettato le dimissioni del premier Adel Abdul Mahdi, travolto da settimane di manifestazioni anti-governative che, dal primo ottobre, scuotono il Paese e represse con la forza dalla polizia. Il capo del governo è stato oggetto di pesanti critiche anche della massima autorità religiosa sciita, il grande ayatollah Ali al-Sistani. “Il Parlamento irakeno - si legge in una nota - chiederà al capo dello Stato di nominare un nuovo Primo Ministro”.

I deputati hanno inoltre deciso che l’attuale esecutivo, compreso lo stesso Mahdi, resteranno in carica per l’ordinaria amministrazione fino alla nomina di un nuovo governo. Secondo quanto prevede la Costituzione, ora la palla passa al presidente Barham Salih che chiederà al blocco più numeroso in Parlamento di nominare un nuovo Primo Ministro, il quale dovrà poi formare l’esecutivo. Analisti ed esperti ritengono che questa nuova fase di incertezza politica e istituzionale rischia di sfociare in settimane di ulteriori tensioni e scontri fra fazioni diverse. 

Le dimissioni del capo del governo non basteranno però a placare gli animi della protesta, come emerge dalle cronache delle ultime ore. Ieri i manifestanti hanno incendiato, per la seconda volta in una settimana, il consolato iraniano a Najaf. Migliaia di persone continuano a riempire vie e piazze della capitale, Baghdad, e delle più importanti città del sud, regione a maggioranza sciita. 

Sempre ieri le forze di sicurezza hanno ucciso un manifestante a Baghdad, altri nove sono rimasti feriti. Due vittime si sono registrate anche a Nassiriya. In due mesi il numero dei morti ha toccato quota 450, migliaia di feriti in una lunga scia di sangue che non sembra avere fine. A Bassora una folla ha marciato per le vie della città vestita di nero, in omaggio alle vittime. Nel fine settimana sono scesi in piazza anche gli studenti universitari di Mosul, Tikrit, Anbar e Kirkuk, aree a maggioranza sunnita e meno coinvolte sinora nella protesta. Ieri gli studenti hanno voluto manifestare la loro solidarietà alle vittime delle proteste a Nassiriya, Najaf e Baghdad, rilanciando le immagini della marcia anche sui social.

“Dietro questo movimento di protesta - afferma mons. Warduni - vi è il popolo irakeno e la Chiesa è vicina ai loro sentimenti, alle loro richieste. Se il governo vuole davvero il bene della nazione deve affrontare i problemi dalle fondamenta. Cambiare il Primo Ministro o qualche nome nell’esecutivo non basta”. Ai governanti, conclude il prelato, “dico di fare tesoro delle parole del papa che esorta a non nuocere ai giovani che hanno diritto di lavorare, vivere una vita serena, pensare al futuro”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Proteste anti-governative: otto morti nel sud, in fiamme il consolato iraniano a Najaf
28/11/2019 08:58
Baghdad, manifestanti in piazza ‘fino alla caduta del regime’
04/11/2019 11:32
Card Sako: nella protesta e a Natale rinasce il popolo irakeno
04/12/2019 12:02
Patriarcato caldeo: preghiere per i ‘martiri’ di Nassiriya, Najaf e Baghdad
30/11/2019 08:00
Iraq, giornata di sangue dopo l’incendio del consolato iraniano: almeno 45 vittime
29/11/2019 08:50