08/10/2011, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Orissa: estremisti indù piantano una bandiera sulle macerie di una chiesa in ricostruzione

di Nirmala Carvalho
Il luogo di culto era stato distrutto nel 2008, durante i pogrom anti-cristiani che hanno causato centinaia di vittime. La comunità locale aveva recuperato il materiale per ricostruire l’edificio. I fondamentalisti, con la connivenza di polizia e governo, vogliono sequestrare il terreno. Attivista indiano: amministrazioni locali "simpatizzano" con l’ala estremista.
Bhubaneswar (AsiaNews) – Le amministrazioni locali “simpatizzano per l’ala estremista indù” e non intervengono per reprimere le “provocazioni” contro i cristiani dell’Orissa. È quanto sottolinea l’attivista indiano Sajan K. George ad AsiaNews, commentando l’ultimo episodio contro la minoranza religiosa: il 6 ottobre scorso oltre 400 fanatici indù hanno piantato una bandiera zafferano – simbolo ufficiale dell’induismo – sui resti di una chiesa cattolica, distrutta durante i pogrom anticristiani del 2008. Secondo la polizia, la bandiera sarebbe stata rimossa da sconosciuti ieri notte. Tuttavia, nella zona resta alta la tensione e serpeggia sempre più un senso di sfiducia e abbandono fra i cristiani, ignorati da governo e forze dell’ordine.

Nelle ultime settimane la comunità cristiana aveva accumulato materiale da costruzione, per riedificare la chiesa parrocchiale di Raikia, nel villaggio di Bakingia, distretto di Kandhamal, compreso nell’arcidiocesi di Cuttack-Bhubaneswar, in Orissa (India orientale). L’edificio era stato distrutto dai fondamentalisti indù nel 2008, durante le violenze anti-cristiane che hanno causato centinaia di vittime. Il 6 ottobre, festa di Vijaya Dashami per la comunità indù, che celebra in questi giorni il Festival della dea Durga, centinaia di estremisti hanno piantato una bandiera zafferano. La zona, secondo il leader Bhaskar Pradhar, apparterrebbe ai loro antenati.

Nonostante le proteste della minoranza cristiana, che si è rivolta alle autorità locali di governo e alla polizia, nessuno è intervenuto per rimuovere lo stendardo dal sito in cui dovrebbe risorgere la chiesa parrocchiale locale. Fonti locali riferiscono che, la notte scorsa, qualcuno avrebbe rimosso il simbolo indù; ma la tensione fra le due comunità resta alta, tanto che la zona è presidiata da dozzine di forze dell’ordine. Mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar, ha informato della vicenda il capo-distretto Rajesh Patil. In risposta, egli ha consigliato ai leader cattolici di inviare una lettera di protesta alla polizia. Ieri un gruppo di 15 persone, guidate dal parroco p. Probodh Kumar Pradhan, ha presentato regolare denuncia; tuttavia, finora le forze dell’ordine non hanno preso alcun provvedimenti. Amministratori e polizia hanno inoltre invocato un incontro fra capi cristiani e indù per dirimere la vicenda; finora non si hanno però conferme di un vertice ufficiale.

Interpellato da AsiaNews p. Pradhan parla di “incapacità delle autorità di governo” che non sono in grado di controllare la situazione. Ancora più duro il commento dell’attivista indiano Sajan K George, presidente di Global Council of Indian Christians (Gcic), secondo cui “il silenzio assordante del governo è fonte di paura e preoccupazione fra i cristiani”. Egli conferma che “la polizia intervenuta sul luogo della vicenda non ha preso alcun provvedimenti”, mentre nei giorni scorsi “l’amministrazione locale aveva ordinato uno stop ai lavori di ricostruzione della chiesa cattolica”. Le autorità locali, aggiunge Sajan George, sono conniventi con gli estremisti indù perché “non prendono provvedimenti” contro quanti “provocano in modo deliberato”.

(Ha collaborato Santosh Digal)
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Case distrutte, acqua avvelenata, ostracismo: l'odissea dei cristiani in Orissa
02/05/2014
Orissa: ancora in carcere 7 cristiani innocenti, vittime di processi-farsa
04/05/2013
Orissa, dissacrato un cimitero cristiano nel Kandhamal
12/11/2012
Orissa: arrestati 20 cristiani. Celebravano un battesimo
06/10/2012
Kandhamal, la fede rinasce sulle ceneri dei pogrom
23/01/2019 11:36