La Corte suprema sospende tre leggi dopo le proteste degli agricoltori

Le leggi sospese erano state approvate a settembre e liberalizzano il mercato agricolo. I contadini in precedenza erano obbligati a cedere i raccolti a depositi statali a un prezzo fisso. Secondo i coltivatori le nuove regole li avrebbero lasciati peggio, rendendo più facile per le aziende sfruttare i lavoratori e aiutando le grandi aziende a ridurre i prezzi.


New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - La Corte Suprema indiana ha sospeso fino a nuovo avviso tre controverse leggi agricole, dopo mesi di massicce proteste a livello nazionale da parte di agricoltori che affermano che sono in gioco i loro mezzi di sussistenza.

In un'ordinanza emessa ieri, la Corte ha affermato che la decisione di sospendere le leggi "potrebbe placare i sentimenti feriti degli agricoltori e incoraggiarli a venire al tavolo delle trattative con fiducia e buona fede". La Corte ha ordinato anche la formazione di un comitato di mediazione di quattro membri per aiutare le parti a negoziare. Il comitato di mediazione deve riunirsi entro 10 giorni e presentare la sua prima relazione entro due mesi da tale riunione.

Le leggi sospese erano state approvate a settembre. Per decenni, il governo indiano ha offerto prezzi garantiti agli agricoltori per determinate colture, fornendo certezza a lungo termine che consente loro di effettuare investimenti per il prossimo ciclo colturale. La nuova legislazione liberalizza il mercato agricolo: gli agricoltori indiani possono vendere ora a chiunque a qualsiasi prezzo, invece di essere obbligati a cedere i raccolti a depositi statali a un prezzo fisso. I coltivatori – soprattutto quelli con piccoli appezzamenti – sostenevano che le nuove regole li avrebbero lasciati peggio, rendendo più facile per le aziende sfruttare i lavoratori agricoli e aiutando le grandi aziende a ridurre i prezzi.

Più di 100mila persone hanno protestato contro le leggi dalla fine di novembre. Ci sono stati sit-in duranti giorni che hanno bloccato le tre vie di accesso di New Delhi, a volte scontrandosi con la polizia.

Nel frattempo, il governo ha tenuto otto cicli di colloqui con i leader di oltre 30 sindacati di agricoltori, ma i colloqui non sono andati a buon fine.

Lo stallo ha spinto la Corte Suprema ha anche affermato che la protezione del prezzo minimo di sostegno, uno dei principali punti di attrito tra il governo e gli agricoltori, sarà mantenuta fino a nuovo ordine.

Il procuratore generale che rappresenta il governo in materia ha criticato l'ordine della Corte Suprema, affermando di "opporsi con veemenza" a qualsiasi sospensione provvisoria.

Le leggi sono state così controverse perché l'agricoltura è la principale fonte di sostentamento per circa il 58% degli 1,3 miliardi di abitanti dell'India, e gli agricoltori hanno discusso per anni per ottenere un aumento dei prezzi minimi garantiti. Sono il più grande blocco elettorale del Paese, il che rende l'agricoltura una questione politica centrale.

148063-ifjwztzpgx-1601030294.jpg