​Papa: dialogo e coesistenza nel videomessaggio al popolo thailandese

“Confido – dice Francesco nel messaggio, in spagnolo - che la mia visita contribuisca a mettere in rilievo l’importanza del dialogo interreligioso, della comprensione reciproca e della cooperazione fraterna, specialmente nel servizio ai poveri, ai più bisognosi e nel servizio alla pace”.


Città del Vaticano (AsiaNews) – Dialogo religioso, in particolare con il buddismo, e coesistenza pacifica sono i temi centrali del videomessaggio che papa Francesco ha  indirizzato al popolo thailandese alla vigilia del viaggio che Francesco compirà in quel Paese dal 20 al 23 novembre prossimi.

“Confido – dice Francesco nel messaggio, in spagnolo - che la mia visita contribuisca a mettere in rilievo l’importanza del dialogo interreligioso, della comprensione reciproca e della cooperazione fraterna, specialmente nel servizio ai poveri, ai più bisognosi e nel servizio alla pace”.

“Spero – aggiunge - anche di rafforzare i legami di amicizia - aggiunge il Pontefice - che condividiamo con i numerosi fratelli e sorelle buddisti che danno testimonianza eloquente dei valori della tolleranza e dell’armonia che sono così caratteristici del vostro popolo”. Il Papa sottolinea poi che la Tailandia “ha lavorato molto per promuovere l’armonia e la coesistenza pacifica, non solo tra la sua gente ma anche in tutta la regione del Sud Est asiatico”. “In questo mondo che con troppa frequenza sperimenta discordia, divisione, esclusione – dice ancora Francesco - questo compromesso di forgiare un’unità rispettosa della dignità di ogni uomo, donna e bambino può essere ispirazione per gli sforzi che le persone di buona volontà in tutto il mondo portano avanti nella promozione di uno sviluppo grande, vero della nostra famiglia umana nella solidarietà, nella giustizia e vivendo in pace”.

Il Papa, infine, ricorda che, durante il viaggio potrà incontrare la comunità cattolica del Paese “per incoraggiarla nella fede”.

La Tailandia sarà la prima tappa del viaggio che prevede poi una visita al Giappone fino al 26 novembre.

F___legge.png