‘Gloria ad Hong Kong’, il nuovo inno delle proteste (Video)

I manifestanti si sono radunati in diversi centri commerciali e hanno intonato la nuova canzone. Allo stadio, disturbato l'inno cinese.


Hong Kong (AsiaNews) – Le manifestazioni di protesta del movimento anti-estradizione hanno un nuovo inno: “Gloria ad Hong Kong” (v. video). Ieri sera, in diversi centri commerciali del territorio, a Ma On Shan, Wong Tai Sin, Mong Kok e altri (v. foto 2), centinaia di manifestanti si sono dati appuntamento per cantare questo inno.

“Gloria ad Hong Kong” è stato composto da un musicista locale, su richiesta di moti giovani che chiedevano una canzone che comunicasse l’unità e il coraggio del loro agire. Il testo e la musica stanno avendo grande successo sui social.

In questi mesi il movimento ha usato anche altri canti. Fra questi, “Sing halleluja to the Lord”, un canto cristiano, per avere la possibilità di radunarsi senza il permesso della polizia: i raduni religiosi non ne hanno bisogno. Un altro canto molto famoso è “Do you hear the people sing”, tratto dal musical dei “Miserabili”.

Molti giovani vorrebbero che “Gloria ad Hong Kong” diventi l’inno ufficiale del territorio. Ieri, durante una partita di calcio fra Hong Kong e l’Iran, molti spettatori hanno disturbato l’inno ufficiale cinese e hanno cantato il nuovo inno (foto 1).

HK-Himn_1.jpg HK-Himn_1.jpg