5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/03/2005
COREA DEL NORD – GIAPPONE – CINA
Corea del Nord, video su esecuzione di chi tenta l'espatrio

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) - Un plotone prende la mira, quindi spara. Subito dopo, le figure sfuocate dei cadaveri dei nordcoreani uccisi per aver tentato di espatriare dal Paese comunista. Il video, ottenuto dalla Japan Independent News Net, mostra 3 esecuzioni capitali avvenute in Nord Corea l'1 e 2 marzo. La Nippon Television Network ha trasmesso parte del video mercoledì scorso. "È la prima volta che un filmato di esecuzioni pubbliche viene portato fuori dalla Corea del Nord e mostrato al mondo" ha dichiarato Hitoshi Takase, presidente della News Net.

Il governo di Tokyo, per bocca del capo della segreteria di gabinetto Hiroyuki Hosada, si è detto "preoccupato" dal fatto che apparentemente il video mostra esecuzioni pubbliche. Già da tempo attivisti per i diritti umani della Corea del sud affermano che il regime di Pyongyang esegue uccisioni in pubblico per terrorizzare i cittadini e costringerli a restare in patria.

Nel video, che sembra essere stato girato con una telecamera nascosta, vengono mostrate due persone uccise il primo marzo nella città di Hoeryong, vicino al confine con la Cina. I condannati affrontano il plotone di esecuzione poco dopo un breve processo nel quale sono stati riconosciuti colpevoli di aver tentato l'espatrio illegale in Cina.

In due sequenze, tre uomini armati sparano contro il prigioniero legato ad un palo.

Nel corso dello stesso processo che appare nel video, il giudice condanna altre due perone all'ergastolo e altre 5 a pene fra i 10 e i 15 anni in campi di lavoro forzato.

Nella registrazione si vede inoltre che il giorno seguente nella stessa città si tiene un nuovo processo nel quale un'altra persona viene condannata a 10 anni di lager e viene eseguita un'altra pena capitale.

News Net afferma che il filmato è stato portato fuori dalla Corea del Nord da alcuni fuggiaschi.

Il mese scorso la Commissione di aiuto per i rifugiati nordocoreani, un gruppo per i diritti umani di Seoul, aveva dichiarato che la Nord Corea aveva messo a morte 70 fuggitivi catturati in Cina e rispediti a casa con lo scopo di scoraggiare i cittadini a lasciare il Paese.

Secondo gli ultimi dati nel 2004, 1900 nordcoreani sono scappatti dal regime di Kim Jong-il, con un incremento del 50% rispetto all'anno precedente. La Commissione stima che più di 100 mila nordocoreani siano nascosti in Cina. (LF)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/09/2004 corea del nord
Pyongyang riconosce una questione 'diritti umani'
23/01/2009 CINA – COREA DEL NORD
Kim Jong-il incontra un diplomatico cinese
09/05/2009 COREA DEL NORD
Pyongyang: esecuzione capitale di tre uomini per “cattiva amministrazione”
09/12/2004 COREA DEL NORD
Nord Corea, dissidenti politici rischiano la pena di morte
04/01/2008 COREA DEL NORD
Giustiziato "eroe del lavoro", aveva avviato un’attività agricola privata

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate